E’ convocato per questo pomeriggio alle 16 il Consiglio dei Ministri.

Tra i punti all’ordine del giorno, spicca l’esame del Decreto Legge “Disposizioni urgenti in materia di Province e Città metropolitane”.

Il ministro della Pubblica amministrazione, Filippo Patroni Griffi, ieri, a margine di un convegno, prima che il governo diffondesse l’ordine del giorno, aveva dichiarato: “Non sono ancora arrivate tutte le proposte da parte delle Regioni, a questo provvederà il governo. Penso di portare il decreto al Consiglio dei ministri che si svolgerà martedì”.


Patroni Griffi ha spiegato che il governo “sta lavorando a un’ipotesi di riduzione da 86 a 50 province“, escludendo che ci possano essere deroghe a questo piano.

Per quanto riguarda la tempistica, “per il momento l’unica data certa è quella prevista per le aree metropolitane ed è il 2014. Noi stiamo disegnando il percorso per portare all’operatività le province“.

Sembra che il Governo stia cercando un’intesa con le province sul tema del commissariamento, previsto per i vertici degli enti in via di soppressione e che le province osteggiano.

Una possibile ipotesi allo studio del Governo sarebbe quella di lasciare i presidenti attuali affiancandoli ad un commissario con poteri sostitutivi. Se i presidenti non seguiranno il ruolino di marcia previsto dal governo per gli adempimenti in vista dell’accorpamento, interverrà il commissario,


CONDIVIDI
Articolo precedenteAnticorruzione, oggi la fiducia alla Camera. Il testo del ddl e gli emendamenti
Articolo successivoDiffamazione a mezzo stampa: il testo all’esame del Senato

2 COMMENTI

  1. Tutte le province devono essere elminate basta con gli sprechi e le caste piccole e grandi tutte queste cose devono. Finire x sempre questa povera italia non ce la fa piu’

  2. Un decreto-legge? Un altro ancora? Mettiamo che il 6 novembre la Corte Costituzionale dica che le norne della cosiddetta riforma sono carta straccia…

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here