Balla che ti passa, almeno fino a 46 anni però, perché il ministro del Welfare, Elsa Fornero, ha deciso di innalzare di un anno l’età pensionabile, da 45 a 46 anni, di chi ha passato la vita sulle punte e ne ha fatto un mestiere. Questo provvedimento però riguarda anche altre categorie legate allo spettacolo, gli attori dovranno recitare fino a 64 anni invece che 63 e lo stesso è richiesto alle attrici seppur con maggior calma visto che l’attuale età pensionabile è 58 anni e quindi il passaggio avverrà in modo graduale.

Compresi in questa schiera sono anche cantanti e sportivi ma non bisogna far parte necessariamente dello star system per andare incontro a questo sacrificio; tale provvedimento infatti riguarderà anche piloti marittimi, poligrafici, spedizionieri e persino i minatori che non faranno di certo salti di gioia a sapere che è loro richiesto di spegnere la luce del casco a 56 anni invece che 55.

Dunque, con questa norma, tutte quelle categorie che la riforma delle pensioni non toccava, vengono inserite. E’ successo quasi a sorpresa, infatti, la riunione tecnica di ieri era stata convocata per esaminare uno schema di regolamento che si supponeva riguardasse solo le pensioni di militari e poliziotti, invece sono stati rivisti anche l’articolo 12ballerini e tersicorei”, l’articolo 14 ossia la “platea dei lavoratori iscritti al gruppo canto” e l’articolo 7i lavoratori di miniere, cave e torbiere”.


Il decreto Salva Italia contempla che anche i settori di Difesa e Sicurezza si adeguino alle nuove norme sulle pensioni, il ministero della Difesa, tuttavia, è contrario e in questo ha l’appoggio dei partiti ecco perché la situazione si protrae da mesi senza risvolti. Il tempo è tiranno però, ad ottobre, infatti, scade il termine per l’armonizzazione e dal momento che manca una settimana, e c’è già stato un rinvio, il ministro Fornero ha deciso che l’ultima possibilità, a livello legislativo, per chiedere un contributo a tutti i lavoratori che sono rimasti fuori dalla riforma di dicembre sia questa.

Nella immediata attualità il provvedimento non influirebbe più di tanto sui conti pubblici, ma dal 2022 le casse dell’Erario risparmierebbero 400 milioni annui, ossia quanto viene messo a disposizione, grosso modo, dall’ Unione Europea con il programma cooperazione culturale che copre il periodo dal 2007 al 2013. Militari e forze dell’ordine, che vedono spostarsi la pensione a 62 anni dai precedenti 60, rappresentano il grosso della torta, tuttavia su questo un accordo stenta a venire, anche ieri i tecnici del Welfare non sono stato in grado di trovare un accordo. Oggi tocca ad Antonio Catricalà, sottosegretario alla presidenza del consiglio, di tentare la via della conciliazione.

I sindacati di polizia, in una manifestazione unificata, hanno palesato il loro scontento ed hanno ottenuto di essere ricevuti dal premier Monti; “Ha ascoltato le nostre richieste – racconta Nicola Tanzi, segretario del Sap – e ci ha detto che ci farà sapere. Ci aspettiamo delle modifiche”. Insieme a loro, e forse anche più di loro, quella variegata ma non meno arrabbiata compagnia che da oggi mette insieme ballerini, cantanti, attori, poligrafici e minatori


CONDIVIDI
Articolo precedenteDdl Salva Sallusti, il colpo di coda della democrazia di plastica
Articolo successivoRiforma della legge elettorale, tra esigenze di governabilità e frammentazione dei partiti

1 COOMENTO

  1. […] regolamento per armonizzare i requisiti di accesso al nuovo sistema pensionistico per le categorie professionali che hanno requisiti diversi rispetto a quelli in vigore […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here