Mediazione bocciata in Corte costituzionale, ecco le attese dichiarazioni del Consiglio nazionale forense. Di seguito, la nota rilasciata dal Cnf dopo che la Consulta ha dichiarato incostituzionale la mediazione civile e commerciale obbligatoria.

“Va dato ampio riconoscimento ai colleghi che per primi hanno individuato la strada del ricorso in sede giudiziaria”, denota prima di tutto l’organismo degli avvocati.

Entrando più nel merito della sentenza, il Cnf ricorda di avere “sostenuto le motivazioni del ricorso con una memoria a firma di Massimo Luciani, depositata alla Corte”.


Il Cnf insomma rivendica di aver “sin dal principio sottolineato che la previsione del passaggio obbligatorio dalla mediazione come condizione, per di più onerosa, per adire il giudice non solo rendeva oltremodo difficoltoso l’accesso alla giustizia da parte dei cittadini; ma era una previsione anomala con riguardo alla natura propria di un istituto che risulta tanto più efficace quanto basato sulla reale volontà delle parti”.

Come noto, quello della mediazione civile era un pilastro della riforma della giustizia, che avrebbe dovuto dare un contributo importante allo smaltimento dell’arretrato civile.

Il Consiglio nazionale forense rileva, a questo proposito, che “l’efficienza della giustizia è un obiettivo che è condiviso dall’avvocatura ma occorre che le soluzioni giuridiche in concreto individuate rispettino i diritti dei cittadini e i principi dell’ordinamento“.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteMediazione incostituzionale: il Governo sanerà tutto con un decreto legge?
Articolo successivoDi che cosa parlano gli avvocati quando parlano dell’incostituzionalità della mediazione

2 COMMENTI

  1. La sentenza della Consulta dimostra ,qualore fosse stato necessario,ancora una volta la inettitudine ultraventennale del nostro legislatore.
    Peraltro la introduzione della mediazione , come il costante aumento del contributo unificato e dei diritti rilascio copie, l’introduzione del c.d.filtro agli appelli e il C.U. maggiorato per tali giudizi, sembrano tutti da inquadrarsi in una ottica di vololntà di privatizzazione della giustizia.
    Vorrei pure sapere cosa diranno a migliaia di giovani avvocati quei signori politici che li avevano illusi facendo loro credere che l’attività di mediaconciliatore , per la quale hanno impiegato tempo e denaro ,poteva costituire uno sbocco professionale

  2. scommetto che ciò non avrà nessun effetto sull’importo de contributo unificato e chissà perchè!?!

    L’istituto è nato morto in quanto inutile doppione e brutta copia di altri (conciliazione dinanzi al GdP e in materia di lavoro) TUTTE fallite miseramete.

    Motivi?
    Solo col giudizio, in Italia, si può sperare nella tutela a fronte di posizione nette della controparte che suole approfittarsi delle ingessature giudiziaria (il giudizio costa al privato tempo e soldi che spesso non si hanno, ergo il più debole economicamente parte svantaggiato – ndr gratuito patrocinio? altra farsa all’italiana -).

    Infatti chi fa causa è solo perchè costretto (e poi accende un cero sperando che non trascorrino decenni per la pubblicazione del provvedimento decisorio).
    Chi c’è passato sà di cosa parlo.

    Preciso che all’avvocato NON piace affatto l’inefficienza del sistema (perde tempo pure lui, e il tempo è denaro…senza parlare che il cliente è scontento della lungaggine e dei costi – come se questi siano nell’arbitrio dell’avvocato -!!!).
    Ciò salvo quando il cliente ha torto marcio, allora se la ride e allunga il brodo quanto più possibile (es. richieste istruttorie inutili come 10 testimonianza sul nulla=2 anni buttati, ma regola comunque ammesse in automatico dal giudice che, oberato di cause, può così temporeggiare la sentenza non avendo possibilità di leggere nemmeno mezza riga sul merito della controversia).

    In controversie di commerciale o societario, poi, è ormai prassi consolidata itraprendere l’azione SOLO per dimostrare la serietà delle (generalmete sacrosante) proprie pretese.
    In pratica è un’invito perentorio a sedersi al tavolo delle trattative.

    Mediazione? Conciliazione?
    Basterebbe applicare lart. 96 cpc (condanna per lite temeraria) a dimezzare il contenzioso.
    Ma poi, come giustificano l’aumeto del contributo unificato (sostenere che è per il potenziamento del sitema sarebbe troppo una barzelletta)???

    Sveglia gente!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here