Sentenza mediazione civile, arriva anche la reazione a caldo dell’Associazione nazionale forense. Un commento che esprime tutta l’asprezza di una battaglia, quella sulla mediazione, che il pronunciamento di oggi ha riacceso prepotentemente.

A prendere la parola a nome del consesso nazionale, è il segretario Ester Perifano, che invece di commentare il merito della sentenza, offre una visione critica del rapporto tra professionisti e mondo istituzionale.

Per il segretario generale Perifano, infatti “è stato punito l’approccio aziendalistico del Ministero della Giustizia, ma soprattutto di un Ufficio Legislativo che non ha mai né voluto considerare le giuste riflessioni che l’Avvocatura e tanti operatori del diritto sollevavano, e né apportare le necessarie modifiche”.


Inutile aggiungere che per l’Anf quelal di oggi è una vittoria sotto tutti gli aspetti: “Oggi – conclude infatti il segretario Perifano – prevale lo stato di diritto: confidiamo che la Corte costituzionale avrà lo stesso approccio quando esaminerà molti dei provvedimenti degli ultimi mesi che con la nostra Costituzione hanno ben poco a che fare”.


CONDIVIDI
Articolo precedenteMediazione incostituzionale, Apm: “Rincuorati, volontarietà è la vera natura”
Articolo successivoMediazione incostituzionale: parlano gli avvocati

1 COOMENTO

  1. Come faccio a commentare il merito di una sentenza che non c’è? Forse voi siete in grado?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here