Giovedì 11 ottobre, con una serie di ordinanze, è stata formalmente respinta la richiesta di sospensiva sul riordino delle province che era stata avanzata dalle province di Treviso e Rovigo. La decisione del Tar del Lazio, ovviamente, non è stata vissuta bene dai presidenti protagonisti della proposta del provvedimento sospensivo; infatti hanno già affermato che faranno ricorso al Consiglio di Stato.

La contestazione trae origine dalla delibera fatta dal consiglio dei ministri il 20 luglio scorso, in quella data si determinarono i criteri minimi richiesti di superficie (2.500 kmq) e di popolazione (350.000 abitanti) per stabilire quali province sarebbero dovute essere accorpate e quali invece sarebbero sopravvissute al riordino. Questi parametri, naturalmente, hanno sollevato numerose proteste, pervenute a vere e proprie ricorsi al Tar; sono state sette, infatti, le province che, oltre le due venete, si sono rivolte al tribunale del Lazio e hanno chiesto la sospensione del provvedimento perché “in contrasto con gli articoli 5 e 133 della Costituzione”.

I giudici hanno mandato gli atti alla Corte Costituzionale, la quale il 6 novembre deciderà sul riordino della province decretato dal Salvaitalia. Nel testo della sentenza i magistrati dichiarano che la delibera emanata dal governo è “il primo segmento di una sequenza procedimentale destinata a concludersi con un provvedimento di natura legislativa il quale, fermi naturalmente i limiti costituzionali, è per definizione libero nel contenuto e nel fine”.


Decisamente soddisfatto, dunque, per l’esito deliberato dal Tar del Lazio, il ministro per la Pubblica amministrazione, Filippo Patroni Griffi, che vede confermata la bontà del suo provvedimento almeno fino a questo grado di appello. “La decisione del giudice amministrativo – dichiara il ministro per la Pubblica amministrazione – conferma anche sul piano strettamente tecnico-giuridico la correttezza dell’operato del governo e costituisce un ulteriore impulso a portare a termine senza indugio il programma di riordino, in piena collaborazione con le regioni, con le province e con le comunità locali”.


CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorso scuola 2012 e aumento ore docenti da 18 a 24. Profumo di crisi
Articolo successivoLegge elettorale a ridosso del voto: il vizietto della politica italiana

2 COMMENTI

  1. […] stata sufficiente un’ordinanza del TAR Lazio che, non entrando nel merito del ricorso, ha respinto la richiesta di sospensione dell’efficacia […]

  2. E’ uno schifo quello che sta succedendo. Stanno ammazzando le autonomie locali e i diritti delle popolazioni. la democrazia rappresentativa è in pericolo. Di questo passo rimarrà solo quella tipica dei consigli di amministrazione dei potentati ecnomici.
    E di fronte a tale affronto, è dloroso assistere al quasi totale silenzio sul tema della legalità offesa, da parte di organi di informazione, anche tecnica, che magari si limitato a riportare le pochi voci che reclamano il rispetto della legalità. Purtroppo non potrò mai avere la soddisfazione di un incontro pubblico con Patroni Griffi, per smentirlo di ogni cosa che di negativo ha fatto sul tema province. Fatelo voi che potete, come testata giornalistica avere più peso di me. Non è difficile. basta leggere l’art. 133 della Costituzione, le diverse leggi regionali che regolano la materia delle variazioni delle circoscrizioni provinciali e la Carta Europea delle autonomie locali (legge 439/1989). brusco Guglielmo – Vice presidente Provincia di Rovigo

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here