Si presenta corposo e articolato il secondo decreto semplificazioni del Governo Monti, qui in bozza.

Il provvedimento, che dovrebbe essere approvato già entro settembre, è chiaramente a favore delle imprese, ed è volto, appunto, alla semplificazione di qualsiasi ostacolo burocratico che rallenti o freni lo sviluppo e la crescita del mercato del lavoro.

Tra le materie interessate dal decreto, troviamo la sicurezza sul lavoro, le infrastrutture, i beni culturali e l’edilizia. Un capitolo a parte è poi dedicato al lavoro e alla previdenza. Si introducono altresì rilevanti novità in tema di  ambiente, privacy e agricoltura.


La bozza che qui vi mostriamo è composta da 34 articoli e di cui i primi otto inerenti alle norme di semplificazione in materia di sicurezza sul lavoro.


CONDIVIDI
Articolo precedenteIntercettazioni, la Consulta dichiara ammissibile il ricorso di Napolitano
Articolo successivoSanatoria 2012, già 12mila domande. Riccardi: “Spese fino a 14mila euro”

2 COMMENTI

  1. […] partito il countdown per il nuovo pacchetto semplificazioni. Le misure allo studio del governo Monti si estendono su una prima bozza di decreto che copre un ventaglio ampio inteso ad alleggerire il […]

  2. Fantastico, mentre si parla di togliere funzioni alle province, di renderle enti privi di competenze e di trasferimenti del realtivo personale qualche genio ha ben pensato di trasferire a questi stessi enti (vedi art. 26 della Bozza del decreto) competenze in materia di riutilizzo delle rocce e delle terre da scavo attività oggi seguita dai comuni.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here