La Suprema Corte di Cassazione, con sentenza n. 34492 dello scorso 10 settembre, ha condannato a 15 giorni di carcere una insegnante di scuola media accusata di aver abusato dei mezzi di correzione e di disciplina, in danno di un alunno di 11 anni, costretto a scrivere per 100 volte sul proprio quaderno la frase “sono deficiente”, e per aver adoperato nei suoi confronti un comportamento palesemente vessatorio.

La Prof, infatti, si rivolgeva al bambino con espressioni che ne mortificavano la sua dignità, rimproverandolo e minacciandolo di sottrarlo alla tutela dei genitori, causandogli in tal maniera un disagio psicologico per il quale è stato necessario sottoporlo a cure mediche e a un percorso di psicoterapia.

I giudici ribadiscono che l’uso della violenza, fisica o psichica, distortamente finalizzata a scopi ritenuti educativi, è illecita.


Da ciò ne consegue, da una parte, che ogni intervento correttivo o disciplinare non può ritenersi lecito per il solo fatto di essere soggettivamente finalizzato a scopi educativi o disciplinari, e dall’altra che può essere abusiva la condotta, di per sé non illecita, quando il mezzo è usato per un interesse diverso da quello per cui è stato conferito, per esempio a scopo vessatorio.

A nulla è valsa la giustificazione della Prof., la quale ha ritenuto il suo comportamento volto ad interrompere una condotta “bullistica” dell’alunno, che aveva tenuto un atteggiamento derisorio ed emarginante nei confronti di un altro compagno di classe.

Gli ermellini, infatti, hanno sottolineato che “nel processo educativo, è essenziale la congruenza tra mezzi e fini, tra metodi e risultati, cosicché diventa contraddittoria la pretesa di contrastare il bullismo con metodi che finiscono per rafforzare il convincimento che i rapporti relazionali sono decisi dai rapporti di forza o di potere”.

L’obbligo di scrivere 100 volte “sono deficiente” era, a loro dire, idoneo a rafforzare nel ragazzo il convincimento che i rapporti relazionali sono, per l ‘appunto, regolati dalla forza, quella sua verso i compagni più deboli, quella dell’insegnante verso di lui.

Pertanto, il comportamento dell’insegnante, anche se volto a scopi educativi o disciplinari, ha arrecato un danno alla salute dell’allievo e pertanto viene condannata per il reato ex articolo 571 c.p. a 15 giorni di carcere (pena ridotta in seguito a rito abbreviato).

Qui il testo integrale della sentenza della Cassazione


CONDIVIDI
Articolo precedenteTest ammissione medicina: siete pronti per i ricorsi?
Articolo successivoDecreto Sanità, il testo illustrato: articoli 1, 8, 3, 7

4 COMMENTI

  1. Sì, poveruccio il bambino bullo ha subito un “disagio psicologico” come se quello che subivano le vittime invece era un tonico per la loro autostima!
    Il bullismo nasce innanzitutto da una incapacità di provare empatia (sì, in pratica il bullo è un probabile sociopatico, almeno momentaneamente), e ne hanno ben voglioa gli “ermellini” di dire che “è essenziale la congruenza tra mezzi e fini, tra metodi e risultati” perché non c’è modo di spiegare al bullo che “così non fa perché non è bello”: al bullo delle altre sanzioni non gliene può fregare di meno, l’unica cosa che funzione come deterrente è la minaccia di conseguenze derivate dai suoi gesti (il “sottrarlo alla tutela dei genitori”) e fargli capire che cosa provoca negli altri ragazzi (mortificare la dignità).

    Ma come al solito, come d’uopo secondo il trito luogocomuniamo del buonismo: il bullo è bullo perché vittima della società, o della famiglia, o perché incompreso, quindi fa aiutato, mentre della vittima chissenefrega, infondo è solo il solito sfigato.

  2. […] veniamo a conoscenza di casi che riguardano bambini piccoli ci stupiamo, ma questo fenomeno emerge già nelle elementari e […]

  3. […] veniamo a conoscenza di casi che riguardano bambini piccoli ci stupiamo, ma questo fenomeno emerge già nelle elementari e […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here