In tredici anni, l’informatica ha fatto passi da gigante. Basti pensare che, nel 1999, non era stato lanciato neanche il primo iPod: avere come sistema operativo Windows 98 era un lusso per pochi e le uniche tavolette in commercio erano probabilmente quelle per imparare a nuotare.

Oggi, invece, siamo in piena epoca digitale e soverchiati da continui sviluppi sia di dispositivi che di programmi, da richiedere anche ai meno avvezzi di tenersi al passo coi tempi, molto spesso per non trovarsi ai margini di un mercato del lavoro già stagnante. Logica richiede, dunque, che anche gli insegnanti, nel frattempo, abbiano dovuto aggiornare sia le loro conoscenze che i metodi della didattica: avvicinare anche i più piccoli all’informatica è ormai un requisito imprescindibile per la scuola del terzo millennio.

L’ultimo concorso a cattedre in ordine di tempo è datato proprio 1999: ecco perché quello in arrivo sarà il primo test per docenti in cui le domande informatiche avranno un peso determinante per l’esito della prova. Mai come questa volta, infatti, avere confidenza con i principali programmi e concetti tecnologici significherà partire avvantaggiati rispetto agli altri, tantissimi concorrenti.


Lo stesso ministro dell’Istruzione Francesco Profumo, nei giorni scorsi, lo ha ribadito con forza: l’insegnante tipo che uscirà dal concorso a cattedre sarà “in grado di mantenere un filo logico, di interpretare testi e in possesso di competenze di tipo informatico”. Insomma, tutto lascia presagire che nel test di selezione per i futuri docenti, l’informatica avrà un’importanza assoluta, se non decisiva.

Per questa ragione, segnaliamo l’uscita di un testo propedeutico al superamento delle domande in materia di hardware, software e affini. Il volume, edito da Maggioli editore, è intitolato “Informatica per tutti i concorsi – teoria e test a risposta multipla” e copre in maniera esaustiva tutti gli argomenti che possono essere oggetto di quesiti nei test di ammissione al concorso a cattedre.

Il libro si suddivide in due sezioni: teoria e quesiti a risposta multipla. La prima parte propone tutti i concetti base per conoscere a menadito gli elementi principali per sentirsi a proprio agio di fronte a monitor e tastiera: componenti, sistema operativo, internet e i browser. Quindi, si apre il nucleo centrale del libro, con singoli capitoli dedicati ai programmi irrinunciabili del pacchetto Office: con la lettura di questo compendio, dunque, Word, Excel, PowerPoint e Access non avranno più lati oscuri per gli aspiranti docenti. Infine, l’ultimo capitoo della sezione teorica è un’attenta disamina delle comunicazioni via posta elettronica, con tutte le indicazioni per l’utilizzo di Outlook Express, uno dei software più comuni per la corrispondenza telematica e la gestione dei contatti.

In conclusione, si aprono le pagine pratiche, con quesiti a risposta multipla sui singoli capitoli e incrociati tra i vari argomenti, completati dalle relative soluzioni e da tabelle per l’autovalutazione. Ognuna di esse, include i parametri per conoscere istantaneamente se le risposte date hanno consentito il superamento o meno del test. Una vera e propria “Bibbia del pc” per chiunque voglia mettersi alla prova, in prospettiva del concorso a cattedre il cui bando è confermato in Gazzetta Ufficiale per il 24 settembre prossimo.


CONDIVIDI
Articolo precedenteTribunale Venezia: sì alla sperimentazione con cellule staminali
Articolo successivoRiforma forense, il CNF all’attacco “Impugneremo i regolamenti sulle professioni”

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here