La spending review è legge. Dall’aula della Camera il via libera definitivo per la conversione in legge del decreto 6 luglio 2012, n. 95 (qui il testo coordinato con le modifiche apportate dal Parlamento). A Montecitorio, i deputati hanno detto sì alla legge di revisione sulla spesa pubblica con 371 sì, 86 no e 22 astenuti. Nella tarda mattinata, l’aula aveva accordato la fiducia al governo sul provvedimento con 403 voti a favore, 86 i contrari e 17 gli astenuti.

Quello della spending review è stato un cammino a tappe forzate, che ha visto il governo di Mario Monti ricorrere, anche oggi, al voto di fiducia, nonostante le 160 proposte di correzione presentate dai gruppi della Camera. Dopo il maxiemendamento presentato a palazzo Madama, infatti, è stato ridotto lo spazio per gli ultimi ritocchi alla versione finale della revisione di spesa, che ora è stata definitivamente convertita in legge dello Stato. La manovra, nel complesso, punta al risparmio di 4 miliardi già entro fine 2012, per aggiungerne altri 21 nei due anni a seguire.

Si è trattato della 34esima occasione in cui il Parlamento ha concesso il via libera a un provvedimento dopo la richiesta di fiducia da parte dell’esecutivo. Troppo ampia la portata e troppo urgente, nella visione del governo, l’entrata in vigore della nuova legge sulla razionalizzazione della spesa pubblica. Gli interventi sono finalizzati a dare un po’ di ossigeno alle finanze statali, scongiurando, almeno fino al luglio 2013, l‘aumento dell’Iva al 23%. Obiettivo raggiunto, ma in nome di sacrifici e tagli, per ammissione del sottosegretario Gianfranco Polillo, generalizzati che hanno lasciato l’amaro in bocca a tutte le categorie e ai settori produttivi coinvolti.


Tra le modifiche apportate in sede di discussione parlamentare, la revisione alla tassazione universitaria, che non sparerà più, come previsto in un primo momento, nel mucchio degli studenti, distinguendo tra fuoricorso e quelli in regola con il piano di esami. Per i più lenti e di buona famiglia, infatti, il rincaro potrà raggiungere anche il 100%, mentre i  diligenti con basso reddito non vedranno muovere le quote d’iscrizione agli anni accademici almeno fino al 2016.

Altre modifiche passate sotto il velo dei tagli più pesanti, sono il taglio previsto alla ricerca per 30 milioni di euro,  il blocco delle indennità per quei docenti universitari rientrati da altro incarico e gli insegnanti di scuole primarie e secondarie che, prossimi alla pensione, potranno andare in quiescenza con le vecchie regole, se in esubero. A scuola, poi, spinta decisa verso l’informatizzazione delle pratiche, incluse le pagelle e i registri.

La stretta sul pubblico impiego, che promette non meno di 20mila posti cancellati nei prossimi mesi, con esuberi e messa in mobilità retribuita all’80% dello stipendio per chi ha meno di due anni al pensionamento, si abbatte, in termini di benefit, anche su Bankitalia. Anche lì, infatti, saranno attuate le nuove norme che fissano il tetto dei buoni pasto a 7 euro, rendono obbligatorio lo svolgimento delle ferie e vietano il ricorso a consulenze esterne per ex dipendenti di mansione analoga. Gli stipendi dei manager pubblici vengono calmierati a 300mila euro, mentre entro fine anno controllate ministeriali come Sace, Simest e Fintecna verranno cedute alla Cassa depositi e prestiti.

Grande attesa, poi, per il confermato riordino delle Province, che dopo innumerevoli annunci e retromarce escono ridimensionate dalla cura Monti. Sono 64 infatti gli enti destinati a scomparire. Per loro, previsto un accorpamento con amministrazioni contigue, secondo i canoni minimi stabiliti in spending review: 350mila abitanti o 2500 chilometri quadrati di estensione territoriale. Saltato, invece, per Regioni, Province e Comuni il vincolo di soppressione o accorpamento per i propri enti ed agenzie, che comunque dovranno maturare un risparmio del 20% sui loro conti.

Sul versante tributario, viene derogata la facoltà per le Regioni in deficit sanitario (Piemonte, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia) di anticipare al prossimo gennaio l’incremento di 0,6 punti percentuali dell’Irpef. Per le Regioni, si tratta dell’unica nota “di consolazione”, a fronte della mano pesante usata dal governo nella spending review. Sono loro, infatti, gli enti più penalizzati, con un calo di trasferimenti centrali di 1,3 miliarid nel 2012, 2,2 nel 2013 e 2,5 miliardi nel 2014. Nel complesso, i tagli alle amministrazioni locali saranno di 14 miliardi in meno di tre anni: sorridono solo i Comuni, che si sono visti riconoscere un contributo di 800 milioni. La remunerazione garantita a Equitalia per l’attivita’ di riscossione delle imposte viene ridotta all’8% dal 2013.

Altra materia molto discussa, quella della sanità, che non esce indenne dalle tenaglie della spending review, con la riduzione dei posti letto che, già nell’imminente autunno, andrà da 4 garantiti per mille abitanti a 3,7: secondo alcune stime, il taglio negli ospedali sarà subito di 4mila posti, per arrivare, nel 2014, a 18mila letti in meno. Secondo il Ministero, però, i posti tagliati non saranno più di 7mila.  Sul fronte farmaceutico, lo sconto delle aziende al Ssn, schizzato al 4,1%, viene circoscritto al 2012, mentre resta confermata la crescita al 2,25% di quello applicato dalle farmacie. Obbligo di indicazione, nelle ricette, per i principi attivi dei farmaci e, a discrezione del medico, anche del medicinale specifico.

Tutt’altro che indenne, come noto, dal provvedimento di revisione della spesa, anche la giustizia italiana, che vede accorpare 37 Tribunali e 38 Procure, la scomparsa di tutte le 220 sedi distaccate e di ben 674 uffici dei giudici di pace. Nessun esubero di personale è stato messo in conto dal Ministero, che ha quantificato il risparmio nelle sole aule di giustizia pari a 50 milioni di euro. Figura all’interno della spending review anche il secondo provvedimento che lancia un salvagente ai secondi 55mila esodati, portando il computo dei salvaguardati a 120mila lavoratori. Niente da fare per la mini-apertura di qualche giorno fa ad altri 2mila.

Qui il testo coordinato con le modifiche apportate dal Parlamento.


10 COMMENTI

  1. Ho capito bene o nel testo modificato al Senato (accessibile dal vs. link: art. 23-sexies) sono stanziati € 2.000.000.000 (2 MILIARDI DI EURO) per Monte dei Paschi ?
    Perché non c’è traccia nei vostri commenti ?
    Come si fa a discutere se è equo o o meno 30 milioni alla ricerca e accettare senza battere ciglio di spendere 2 miliardi per risanare il bilancio di MPS ?

    Sembra ci sia una censura di stato su questo:
    Ho provato a digitare su google: “spending review monte dei paschi”, nelle prime 2 pagine di suggerimenti, oltre agli attacchi furibondi di Paolo Ferrero (Prc), i siti giornalistici, di rilievo, che danno la notizia sono:

    Rainews (link: http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=168003) dà la notizia ma non indica l’importo: “Inoltre e’ previsto il finanziamento da parte dello Stato di Banca Monte dei Paschi che pero’ dovra’ contenere bonus e stock option per i suoi amministratori, pena senzioni fino a un massimo di 129.000 euro”

    Il Fatto Quotidiano (link: http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/08/06/spending-review-governo-pone-fiducia-alla-camera/318278/) che riporta la stessa nota d’agenzia di Rainews

    Il sole 24 ore (link: http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-07-18/crisi-grilli-ottimista-fiscal-121527.shtml?uuid=AbcW4j9F) che mette in relazione spending review e MPS, ma non si capisce bene la diretta corrispondenza e soprattutto non viene detto l’importo.

    Non ci sono tracce di altri mezzi di informazione.
    Siamo in un paese libero o che cosa ?
    Solo un raffronto: la riduzione di 1 punto sullo scaglione Irpef fra 15.000 e 28.000 (che è stato cassato perché non ce lo saremmo potuto permettere) sarebbe costato un miliardo.
    Quand’è che si potrà parlare di politica discutendo sulle scelte di fondo e non su chi è più simpatico tra Renzi, Bersani e Grillo ?

    Saluti.

    Un saluto a tutti

  2. Per partorire tutto questo dovevamo rivolgersi a professori universitari?
    penso sarebbe bastato un giovane ragioniere per interpretare meglio le necessità del così detto popolo iteliano!

  3. […] distanza di due mesi dall’approvazione definitiva, dunque, uno dei capitoli più contestati della revisione di spesa pubblica entra nel vivo, con le […]

  4. Non sono riusciti nell’univa cosa di buono che si erano riproposti : l’abolizione di tutte le province ed enti partecipati. Purtroppo anche loro ostaggi dei partiti che hanno fatto della PA un posto dove sistemare gli amici.

  5. la cosa che mi lascia più attonito in tutta questa storia è il fatto che, difronte a proposte di riordino intelligenti fatte da enti virtuosi, il governo è muto e prosegue la sua strada verso un riordino farlocco fatto di sprechi misti a virtuosismi.

    Un governo centrale così distante dalla realtà locale non può mettere dei paletti generalizzati senza entrare nella realtà del tessuto locale. E’ la palese dimostrazione di come questo governo sia ancorato a uno processo VECCHIO.

    Lo sa bene la Toscana che da un riordino proposto dalla Regione che faccia capo a soli 3 aree già ad oggi strutturate su servizi distribuiti in questa ottica (La piana fiorentina, la costa e la parte sud) adesso si trova a fare un buglione caotico dove verranno unite insieme realtà completamente diverse che tra loro non c’entrano niente.

    E non sto parlando di campanilismi perchè quelli vanno necessariamente superati (Livorno e Pisa ad esempio) ma del fatto che ad oggi Prato e Pistoia, invece che andare con Firenze, dovranno andare con Lucca e Massa Carrara.

    Arezzo potrebbe andare per conto suo se prendiamo i dati ISTAT 2011 e Grosseto e Siena insieme tra loro

    ma che razza di suddivisione è questa???

    Forse il governo la vedrà bene dall’alto dei colli romani ma assicuro che è solo una cozzaglia di realtà che non hanno alcuna identità reale

    Siamo gli unici al mondo che, pur avendo uno stato giovane, non è in grado di fare un ragionamento serio. ma dove vogliamo andare?

    E dovremmo votare questa classe politica ancora?

  6. e così chiuderanno un tribunale che occupava le aule in comodato gratuito dal comune… e prenderanno in affitto un immobile a pagamento… ottimo risparmio.

  7. Il personale ATA della scuola se in esubero può andare in pensione come gli insegnanti?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here