Buone notizie sul fronte della spesa pensionistica quelle giunte in giornata dall’INPS. Secondo gli ultimi dati dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, infatti, nei primi sei mesi del 2012 i nuovi assegni liquidati sono stati 86.537 contro i 159.485 delle stesso periodo del 2011, per un calo complessivo del 46,99%. Effetto soprattutto dell’azione combinata della “finestra mobile” e dello “scalino” per la pensioni di anzianità scattati lo scorso anno, mentre per la riforma Monti-Fornero (contenuta nella manovra Salva Italia di fine 2011) si verificherà l’impatto a partire dal 2013.

Per quanto riguarda la pensione di anzianità, nel settore privato l’età media di uscita dal lavoro è salita da 58,8 anni (2011) a 59,8 (primi sei mesi 2012). La pensione di vecchiaia fa segnare un incremento, nello stesso periodo, da 62,9 a 63,3 anni. Più contenuto l’aumento dell’anzianità lavorativa per i pubblici dipendenti, da 58,7 a 59,1 anni.

Sul fronte del lavoro autonomo si registra una forte impennata dell’età di pensionamento, con un vero e proprio balzo in avanti da 63,3 a 68,4 anni ed una contemporanea caduta (quasi il 90%) degli assegni erogati dall’INPS, passati da 32.939 (I semestre 2011) a 3.621 (II semestre 2012).


Aumenta nel complesso (vecchiaia ed anzianità) la “forbice” tra l’età di pensionamento dei lavoratori dipendenti (pubblici e privati) da una parte e degli autonomi dall’altra: nel primo caso si è arrivati a 60,9 anni, nel secondo a 62,9, per un totale di 2 anni di distacco.

Sempre nel primo semestre 2012, le tabelle dell’INPS rilevano come l’età media per l’accesso alla pensione nel settore privato sia salita a 61,3 anni (erano 60,4 nel 2011), dato con cui l’Italia stacca nettamente la Francia (59,3 anni) e si avvicina ad “agganciare” la Germania (61,7 anni).

Analizzando questa serie di dati in un colloquio con l’Ansa, il Presidente dell’INPS Antonio Mastrapasqua ha osservato che “tutte le riforme hanno funzionato. I dati di oggi si riferiscono alla Sacconi-Tremonti che ha introdotto la finestra mobile e il legame con l’aspettativa di vita. La riforma Monti-Fornero ha proseguito sulla linea Sacconi-Tremonti velocizzando la transizione. È stato messo in sicurezza il sistema previdenziale. È un segnale di stabilità del Paese”.

Commentando poi l’andamento dell’età pensionistica in Italia, anche in relazione all’analoga situazione in Francia e Germania di cui sopra, Mastrapasqua ha proseguito rilevando come “il nostro sistema a questo punto è un esempio virtuoso di welfare previdenziale per gli altri Paesi. Riteniamo di poter chiudere il bilancio Inps 2012, senza tenere conto dell’Inpdap, con il segno più”.


CONDIVIDI
Articolo precedenteLa spending review secondo Hannibal Lecter, Gregor Samsa e altri
Articolo successivoMatrimonio gay. Questione politica o costituzionale?

1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here