Gli esami non finiscono mai, si sa, è cosa risaputa, come è risaputo che gli esami della vita, come quelli della scuola, sono fatti per essere superati, ecco perché la notizia che solo 144 studenti su 3000 sono stati promossi al Tfa della classe di concorso A036 (filosofia) fa notizia. Una percentuale bassissima, nemmeno il 5% degli iscritti è riuscito a passare alla prima di tre prove, fra l’altro considerata ampiamente la più semplice. Il problema è che bisognerebbe capire secondo chi è la più facile, secondo quale criterio la si ritiene tale.

Una delle principali paure in merito al Tfa era proprio il fatto che si potesse rivelare un quiz da gioco televisivo, con domande impossibili che rischiavano di premiare il più becero nozionismo, che per carità, non è necessariamente un male ma non è nemmeno lo strumento su cui si deve fondare un insegnante, e, d’altra parte, di penalizzare i processi cognitivi, intuitivi e di elaborazione che dovrebbero essere propri di un insegnante e che, di più, sono quegli elementi che lo rendono un buon insegnante.

I numeri parlano chiaro, è stata una vera e propria strage, tutti quelli che hanno fatto l’università hanno avuto un compagno di corso che sosteneva “il prof. è cattivo boccia tutti”, questa volta quel compagno non si sbagliava poi di tanto, in atenei importanti e molto frequentati come Milano, Cagliari, Sassari, Urbino e Trento zero promossi; discorso identico vale alla Lumsa, alla UniCal e a Cassino. A Torino sono passati in 9 su 112. A Firenze 6 su 187. A Padova 8 su 148. Numeri angoscianti, che incoraggiano il gioco d’azzardo più che la voglia di riuscire in quello che si è studiato con tanta fatica e a lungo, con queste percentuali il superenalotto è certamente una alternativa valida alla carriera dell’insegnamento.


Fuor di ironia, va fatto un plauso a quei pochi che hanno superato con merito l’esame, ma va denunciato il fatto che il Tfa strutturato in questa maniera rischia di rivelarsi una truffa. Sono 100 gli euro che bisogna pagare per potervi partecipare , questo vale indiscriminatamente per laureati senza alcuna esperienza o che hanno già alle spalle svariati anni di lavoro; il fatto di equiparare persone con carriere così diverse è già un errore di fondo ed è ancora peggio richiedere loro di misurare la propria conoscenza con un metodo nozionistico che ha la sola funzionalità di defraudare le certezze degli studenti e di privarli di quel futuro per cui tanto hanno studiato.


CONDIVIDI
Articolo precedenteDl sviluppo, continua l’esame alla Camera. Gli emendamenti al testo
Articolo successivoVelocità, i Tutor anche nelle statali. Una sentenza vieta le imboscate

2 COMMENTI

  1. […] fuori dal comune e della difficoltà delle domande del Tfa abbiamo già detto, quello che oggi interessa, soprattutto quelli che in questa prova ci hanno […]

  2. […] il governo annunciò, tramite il ministro Profumo, l’ufficialità del Tfa, tirocinio formativo attivo, gli studenti tirarono un enorme sospiro di sollievo e pensarono all’unisono che, come nel […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here