La Corte dei Conti ha firmato il primo decreto a tutela di 65mila esodati, che individua la ripartizione dei soggetti interessati ai fini della concessione della salvaguardia. Si tratta del Decreto interministeriale Lavoro/Economia ”a tutela dei lavoratori salvaguardati” del primo giugno scorso. Otto gli articoli contenuti nel documento, che vanno a disciplinare una delle materie più discusse e controverse legate al decreto Salva Italia di fine 2011.

”Pertanto – si legge in una nota -, in considerazione dell’imminente operatività del decreto, il Ministro del Lavoro Elsa Fornero ha ricevuto dall’Inps piena rassicurazione sulla sollecitudine con la quale l’Istituto provvederà ad attivare tutte le procedure del caso e in particolare la certificazione del diritto per dare definitiva certezza ai lavoratori interessati”.

A confermarlo, lo stesso ministro del Lavoro: “Ho avuto rassicurazioni dall’Inps che indicherà rapidamente le persone che andranno in pensione con le vecchie regole con nome e cognome. Riceveranno una lettera». Per i primi 65mila “tratti in salvo”, dunque, si attendono solo le indicazioni finali dell’Inps.


Intanto, ecco l’elenco dei lavoratori immuni al contenuto della riforma:

– 25.590 lavoratori in mobilità che hanno cessato l’attività lavorativa al 4 dicembre con perfezionamento dei requisiti entro il periodo di fruizione dell’indennità di mobilità;

– 3.460 lavoratori in mobilità lunga con cessazione dell’attività lavorativa al 4 dicembre 2011;

– 17.710 titolari di prestazione straordinaria a carico dei fondi di solidarietà al 4 dicembre 2011, oppure il cui accesso al fondo sia autorizzato dall’Inps o previsto da accordi collettivi;

– 10.250 autorizzati al versamento volontario dei contributi con decorrenza della pensione entro il 2013 che non abbiano ripreso l’attività lavorativa e abbiano almeno un contributo accreditato o accreditabile;

– 950 lavoratori esonerati al 4 dicembre 2011;

– 150 lavoratori in congedo per assistere figli disabili;

– 6.890 “esodati” con rapporto risolto al 31 dicembre 2011 che non abbiano ripreso a lavorare e maturino la decorrenza entro il 2013.

Per queste ultime tre categorie (circa 7mila esodati), sarà necessario avanzare richiesta di accesso alla salvaguardia pressole direzioni territoriali del lavoro.

Secondo le stime, però, sarebbero ancora parecchi gli esodati ancora esclusi sprovvisti di salvagente normativo: per 55mila di loro, il governo ha promesso il varo di nuove misure a breve.


CONDIVIDI
Articolo precedenteTagli UE per 600 milioni: piange la Sicilia
Articolo successivoRiforma Professioni: gli Albi rilanciano tirocinio di 12 mesi e nuove regole disciplinari

11 COMMENTI

  1. non so se sono in lista dei 65.000 dal 2009 in cassa integrazione e mobilità con 36 anni di contributi oh 57 anni

  2. non so se sono in lista dei 65.000 dal 2009 in cassa integrazione e mobilità con 36 anni di contributi

  3. Cortesemente vorrei delle informazioni, la mia azienda è fallita e sono stata licenziata, ho lavorato fino al 12-04-2000 versando contributi per 1162 settimane come dipendente privata. Sono nata il 12-12-1952.
    Vorrei sapere se posso andare in pensione con la legge esodati.
    Certa di una Vostra risposta, cordiali saluti.

  4. sono nato il 15/07/1955 ed assunta il 1/5/1977 in data 31/12/2011 l’azienda ove lavoravo avendo firmato presso il ministero del lavoro in data 20/12/2011 un accordo per messa in mobilita di 747 lavoratori.
    In data 1/1/2012 e fino al 28/02/2014 sono stato posto in cassa integrazione successivamente l’azienda mi porra in mobilita’ per latri quattro anni.
    Come faccio a sapere se il mio nominativo risulta fra i salvaguardati
    BUONO GENNARO NATO A NAPOLI

  5. ho finito 60 annni al 31/03/2013, ho firmato l’accordo con l’Azienda Poste e sono uscita dal mondo del lavoro il 31/12/2011, il Ministero del Lavoro mi ha risposto mi ha accolto la domanda per la salvaguardia della pensione, ma l’INPS non mi ha inviato nessuna lettera.
    vorrei sapere come posso fare per vedere se sono stata inserita nell’elenco dell’INPS, per ricevere l’assegno di pensione, nel luglio 2014, come da vecchia legge.

  6. salve scrivo da parte di mio marito si chiama francesco …..le mancano circa 2anni per i 35 anni di contributti da 10 mesi sono stato licenziato per fine lavori riduzione personale ha 63 anni 64 a marzo 2013….vorrei sapere se può andare in pensione con la legge esodati grazie………………….. maria da sassari

  7. scrivo da parte di mio marito. vorrei sapere per favore qualcosa sugli anni lavorativi di mio marito, lui e nato il 06/ 01/ 1953.. e stato assunto il 01/ 11/1971.. la mia domanda mio marito e nella lista dei salvaguardati ? in attesa di una vostra eventuale e gradita risposta vi ringrazio anticipatamente. p.s. dimenticavo mio marito si chiama luciano grazie

  8. la ditta dove lavoro chiude rettifico per fallimento il 31/12/2012
    io compio 50 anni il 03/01/2013 cosa mi aspetta?
    grazie

  9. salve,vorrei delle informazioni .sono 1 lavoratrice dipendente(p.a) sono in esonero dal 016\2011,sono stata assunta l’1 novembre del 1974.vorrei sapere se faccio parte dei lavoratori salvaguardati.data di nascita :029\1953.in attesa di una vostra risposta ringrazio anticipatamente.

  10. […] a utilizzare la somministrazione a termine. Questa affermazione si pone in contrasto con la riforma del lavoro, che in modo molto palese persegue l’obiettivo di vietare, dopo i 36 mesi, qualsiasi rapporto […]

  11. Dal 06/09 2009 in mobilita con legge maroni , pensione prevista dall’accordo 01/01/2014. Posso consderarmi all’interno della lista dei 65.000?? Grazie .

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here