Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il testo del decreto  Quinto Conto Energia, con le rimodulazioni incentivanti pronte a diventare operative sin dal mese di settembre. Novità importanti, dunque, come l’incremento di 700 milioni di euro per il costo massimo degli incentivi al fotovoltaico fino alla cifra di 6,7 miliardi di euro, soglia che potrebbe avvicinarsi già da metà luglio.

Questo un sunto degli impianti che potranno accedere alle tariffe provviste d’incentivo:

impianti fotovoltaici di potenza fino a 50 kW realizzati su edifici con moduli installati in sostituzione di coperture su cui è operata la completa rimozione dell’eternit o dell’amianto;
impianti fotovoltaici di potenza non superiore a 12 kW, ivi inclusi gli impianti realizzati a seguito di rifacimento, nonché i potenziamenti che comportano un incremento della potenza dell’impianto non superiore a 12 kW;
i potenziamenti che comportano un incremento della potenza dell’impianto non superiore a 12 kW ;
impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative fino al raggiungimento di un costo indicativo cumulato degli incentivi degli incentivi di 50 ML€;
impianti fotovoltaici a concentrazione fino al raggiungimento di un costo indicativo cumulato degli incentivi di 50 ML€;
impianti fotovoltaici realizzati da Amministrazioni pubbliche mediante svolgimento di procedure di pubblica evidenza, fino al raggiungimento di un costo indicativo cumulato degli incentivi di 50 ML€;
gli impianti fotovoltaici di potenza superiore a 12 kW e non superiore a 20 kW, inclusi gli impianti realizzati a seguito di rifacimento, nonché i potenziamenti che comportano un incremento della potenza dell’impianto non superiore a 20 kW, che richiedono una tariffa ridotta del 20% rispetto a quella spettante ai pari impianti iscritti al registro.


Il provvedimento era molto atteso dagli operatori: la sua entrata in vigore veniva caldeggiata da oltre un anno.

 

Leggi il testo completo del Quinto Conto Energia

 

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteChiesto un anno di carcere per Formigoni. A ottobre la sentenza
Articolo successivoLo scippo nel tragitto casa-lavoro è risarcibile come “infortunio sul lavoro”

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here