La “generazione 1000 euro”, da oggi, non esiste più. Quella dei pagamenti in contanti, si intende. La parte finanziaria del decreto “Salva Italia” entra infatti in vigore da oggi, e vale per tutti, pubblici e privati, nell’ottica della trasparenza, della lotta all’evasione e della totale tracciabilità dei documenti. Nessun pagamento per valori pari o superiori a 1.000 euro in contanti o con assegno non intestato o non recante la clausola ‘non trasferibile’ potrà più essere effettuato senza avvalersi di intermediari finanziari abilitati, come banche o poste. La regola vale anche per stipendi e pensioni delle Pubbliche amministrazioni. Ma vale anche per qualsiasi acquisto: computer, viaggio, passeggino. Nulla potrà più passare dal cash.

In realtà il divieto sarebbe dovuto già entrare in vigore lo scorso marzo, prima del rinvio dovuto ad una postilla nel decreto semplificazioni che ne ha spostato la linea al 1 luglio: la stragrande maggioranza dei 430 mila pensionati interessati alla nuova regola, avvisati per tempo, hanno già indicato al proprio Istituto di Previdenza il canale “tracciabile” per l’accredito,

scelto tra conto corrente, libretto postale o strumenti telematici di pagamento (carta prepagata compresa). Ma secondo alcune stime dell’Inps, nei giorni scorsi erano ancora circa 25 mila i pensionati ‘silenti’. Spacciati? No, certo: le loro pensioni saranno parcheggiate in un conto transitorio, e poi trasferite senza costi aggiuntivi sullo strumento indicato. C’è però una dead line: se entro il 30 settembre non ci sarà comunicazione, l’Inps si riprenderà le somme ma comunque garantirà il pagamento quando il pensionato comunicherà la sua scelta.


Si chiude definitivamente l’era delle ‘mazzette’ nei portafogli, con una norma spiccatamente anti-evasione agognata dal Governo Monti sin dall’inizio del suo mandato: il limite-soglia dei 1.000 euro, comunque, può essere bypassato solamente negli acquisti privati (e quindi non a imprese o società) di cittadini stranieri, eccezione decisa per evitare problemi ai commercianti del settore turistico.


CONDIVIDI
Articolo precedenteDURC e titoli di studio
Articolo successivoLa scommessa dei BTP

1 COOMENTO

  1. Cioé, andando a comprare un biglietto d’aereo in un’agenzia di viaggi, non potrò pagarlo in contanti, essendo il costo di 1320 euro? E allora, come potrei fare?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here