Mentre c’era chi polemizzava, si sbigottiva e cercava su Internet l’articolo 4 della Costituzione, teso a smentire le dichiarazioni finali, ma rilasciate prima che la riforma fosse definitivamente approvata al Wall Street Journal – a mo’ di cucchiaio di Pirlo – del Ministro Elsa Fornero (“il lavoro non è un diritto, va guadagnato attraverso il sacrificio”), c’era anche chi votava l’emendamento della Lega Nord al testo sulle riforme costituzionali, che prevede l’introduzione del Senato Federale.

Per un giorno si è riformato il vecchio asse Pdl – Lega, e la proposta è stata quindi approvata con 153 si, 136 no e 5 astenuti: il Senato Federale sarà composto da 250 senatori, ai quali però si devono sommare 21 rappresentanti regionali: i senatori complessivamente scendono quindi a 271 (invece che 311 come nella precedente formulazione che era stata bocciata ieri in prima commissione). I rappresentanti regionali, viene specificato, “non sono membri del Parlamento e non ricevono la relativa indennità”.

Le reazioni, ovviamente, non si sono fatte attendere: Roberto Calderoli, elemento di spicco della Lega, ha esultato quasi come farebbero stasera i milioni e milioni di Italiani a un eventuale gol da 30 metri di Balotelli (molto più improbabile di un successo pieno di Monti a Bruxelles con la Merkel, statisticamente parlando). “Evviva! Dopo più di vent’anni di battaglie con il mio emendamento otteniamo due risultati storici, da una parte la riduzione del numero dei senatori e dall’altra la creazione del Senato federale, lo strumento con cui il Paese può diventare finalmente federalista, rispetto ad un centralismo che ha rovinato il Paese e la sua economia“. Il ritrovato amore Lega – Pdl, ovviamente, ha sollevato le polemiche del Pd, arrivate per bocca di Anna Finocchiaro (“spettacolo indegno e avvilente, qui muore ogni possibile riforma costituzionale e, con essa, anche la riduzione del numero dei parlamentari”) e di Pierluigi Bersani (“è un colpo di mano volto a destabilizzare la situazione e a boicottare le riforme”). E tutti si dimenticarono dell’articolo 4 della Costituzione.


CONDIVIDI
Articolo precedenteRischio ferie per i parlamentari, la rivolta passa dalla Camera al web
Articolo successivoDal Vertice di Roma al Consiglio Ue, la strada per salvare l’euro

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here