Si è concluso alla Camera dei deputati l’esame del ddl sulla riforma del lavoro, recante disposizioni per la riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita, approvato dal Senato, in prima lettura, il 31 maggio 2012 (a seguito di votazioni di fiducia). L’Aula della Camera ha definitivamente approvato il provvedimento. I voti a favore sono stati 393, 74 quelli contrari, 46 gli astenuti. Il ddl diventa così legge.

Il provvedimento interviene sulle forme contrattuali flessibili, modifica la disciplina dei licenziamenti, rinnova il sistema di ammortizzatori sociali, rafforza le politiche attive del lavoro e detta norme per promuovere l’occupazione femminile e dei lavoratori anziani.

Il disegno di legge di riforma si sviluppa attraverso quattro linee di intervento.


Nell’ambito di una razionalizzazione delle tipologie contrattuali esistenti, si configura il contratto a tempo indeterminato quale contratto prevalente, disincentivando il ricorso ai contratti a tempo determinato. Si delinea l’apprendistato quale contratto tipico per l’accesso al mercato del lavoro (nonché per l’instaurazione di rapporti a tempo indeterminato), ampliandone le possibilità di utilizzo (si innalza il rapporto tra apprendisti e lavoratori qualificati dall’attuale 1/1 a 3/2) e valorizzandone il ruolo formativo. Si procede verso una redistribuzione delle tutele dell’impiego, da un lato contrastando l’uso improprio degli elementi di flessibilità relativi a talune tipologie contrattuali (dall’altro adeguando la disciplina dei licenziamenti ,collettivi ed individuali). Con riferimento ai licenziamenti individuali, in particolare, si interviene operando importanti modifiche all’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori (che reca la cd. tutela reale, consistente nella reintegrazione nel posto di lavoro). Più specificamente, lasciando inalterata la disciplina dei licenziamenti discriminatori (ove si applica sempre la reintegrazione), si modifica il regime dei licenziamenti disciplinari (mancanza di giustificato motivo soggettivo) e dei licenziamenti economici (mancanza di giustificato motivo oggettivo): queste ultime due fattispecie presentano un regime sanzionatorio differenziato a seconda della gravità dei casi in cui sia accertata l’illegittimità del licenziamento, il quale si concretizza nella reintegrazione (casi più gravi) o nel pagamento di un’indennità risarcitoria (casi meno gravi). Infine, si introduce uno specifico rito per le controversie giudiziali aventi ad oggetto l’impugnativa dei licenziamenti;

Si opera un’ampia revisione degli strumenti di tutela del reddito, in primo luogo attraverso la creazione di un unico ammortizzatore sociale (Aspi – Assicurazione sociale per l’impiego) in cui confluiscono l’indennità di mobilità e l’indennità di disoccupazione (ad eccezione di quella relativa agli operai agricoli). Il nuovo ammortizzatore amplia sia il campo soggettivo dei beneficiari, sia i trattamenti: in particolare, oltre all’estensione a categorie prima escluse (principalmente apprendisti), fornisce una copertura assicurativa per i soggetti che entrano nella prima volta nel mercato del lavoro (principalmente giovani) e per i soggetti che registrano brevi esperienze di lavoro. Si prevede, quindi, l’introduzione di una cornice giuridica per l’istituzione di fondi di solidarietà settoriali. Inoltre, viene confermata l’attuale disciplina per la Cassa integrazione ordinaria, mentre vengono apportate modifiche alla disciplina della Cassa integrazione straordinaria. Infine, si prevede la creazione di un nuovo strumento di sostegno del reddito per i lavoratori ultracinquantenni;

Si rinnovano e rafforzano le politiche attive del lavoro ed il ruolo dei servizi per l’impiego (per i quali vengono individuati livelli essenziali di servizio omogenei su tutto il territorio nazionale);

Si prevedono incentivi per accrescere la partecipazione delle donne al mercato del lavoro (con l’introduzione di norme di contrasto alle cd. dimissioni “in bianco” e misure per il sostegno della genitorialità) e per il sostegno dei lavoratori anziani.

Qui il testo del disegno di legge trasmesso dal Senato il 1° giugno 2012

Qui il testo della relazione della Commissione

Qui i testi dei quattro maxi emendamenti sui quali la Camera ha concesso la fiducia:

PrimoSecondoTerzo; Quarto.

Lo speciale dossier di LeggiOggi sulla riforma del lavoro


CONDIVIDI
Articolo precedenteUltimi preparativi, domani al via il summit “Salva Europa”
Articolo successivoMozione di fiducia PD-UdC-FLI pro-Europa

3 COMMENTI

  1. […] non risparmia critiche alla spending review così come alla pressione fiscale, alla nuova legge sul lavoro, o, ancora, all’arrivo imminente del Quinto Conto Energia, dimostrando, con tutto ciò, che […]

  2. […] Qui il dossier di LeggiOggi sulla Riforma del lavoro […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here