Concorsi pubblici nel caos, come dimostrano i riprovevoli eventi accaduti a Catania, durante il Concorso per l’Agenzia delle Entrate, e a Roma durante quello per Avvocatura dello Stato. Tra inutili competenze impartite dalla scuola e blocchi delle assunzioni, ma c’è ancora qualcuno che crede che nella Pubblica Amministrazione si entri per concorso?! E cosa può sindacare in realtà il giudice amministrativo, se deve fare un passo indietro davanti all’esigenza di buon andamento ed efficienza dell’azione amministrativa?


CONDIVIDI
Articolo precedenteDecreto Sviluppo, arriva l’ok di Confindustria
Articolo successivoI tagli dei costi della politica? Devono essere fatti!

5 COMMENTI

  1. […] il tasso di polemiche “a caldo” sia, al momento, inferiore degli ultimi esempi di concorsi svolti in Italia, non sono mancati i soliti furbetti, prontamente scoperti da una vigilanza […]

  2. […] questo indirizzo il video editoriale del direttore di Leggioggi.it, avvocato Carmelo Giurdanella, sul caos concorsi […]

  3. Io sono un funzionario dell’inps , vincitore di concorso pubblico, senza raccomandazione Ho avuto l’accortenza di scegliere l’alto nord…poi sono sceso con mobilitá, anche in tal caso senza raccomandazione.

  4. Tutte considerazioni condivisibili: mi piacerebbe tuttavia che il direttore andasse oltre, proponendo eventuali soluzioni.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here