Tre volte no. Anzi, “nein”. Secondo indiscrezioni, alla teleconferenza di mercoledi 30 maggio il netto rifiuto della Cancelliera tedesca Merkel ad avallare l’intervento diretto dell’Efsf (European Financial Stability Facility, il meglio noto “Fondo Salva-Stati”) nel salvataggio delle banche spagnole più esposte nella crisi del debito avrebbe portato ad una vera e propria spaccatura con il Premier italiano Monti ed il Presidente francese Hollande. Il tutto sotto gli occhi di Barack Obama, che tentava (anch’egli inutilmente) di sostenere le richieste italo-francesi per attribuire un maggiore potere di intervento al Fondo. “La Germania è contraria a un intervento diretto dell’Efsf”, ha spiegato la Cancelliera, in questo sostenuta anche da una vasta parte dell’opinione pubblica tedesca, “non vogliamo che il Fondo, che opera con soldi dei governi, spenda milioni in cambio di collaterali di banche già cotte. Non vedo perché dovremmo possedere pezzi di banche fallite”.

Fatto sta che il tempo stringe. L’economia spagnola vale, per dimensioni, più del doppio di quelle degli altri tre Stati Ue (Grecia, Portogallo ed Irlanda) per il quali già è stato necessario la predisposizione di un piano europeo di aiuti. Un eventuale contagio della Spagna potrebbe significare il colpo di grazia per l’intero progetto di unificazione europea. Anche il Presidente della Commissione, Barroso, sostiene risolutamente l’idea – senza modificare lo status della Bce – di un’“Unione bancaria” con un sistema di supervisione unico a livello Ue, una garanzia comune dei depositi bancari e l’intervento diretto dell’Efsf (che si trasformerà già a partire dal luglio 2012 nel più potente Esm, European Stability Mechanism) nel salvataggio delle banche dei Paesi membri.

Arrivati a questo punto, forse, sarebbe bene che ognuno rinunciasse a qualcosa, inclusa la Germania. Senza dimenticare che l’origine dell’attuale crisi finanziaria, esplosa nel 2007-2008 (e le cui radici risalgono almeno agli anni’80), non è europea, ma va ricercata Oltreoceano, e più precisamente a Wall Street.


 


CONDIVIDI
Articolo precedenteMotori di ricerca e caching
Articolo successivoTassa sulle barche: chiarimenti dall’Agenzia delle Entrate

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here