Staccate la spina al ( televisore) e non ci sarà più terrorismo

Mc Luhan

 


Ha fatto molto effetto, sabato scorso, leggere sui battenti serrati di Villa D’Este a Tivoli – che doveva illuminarsi nella notte, per aprirsi gratis al pubblico – che sarebbe rimasta chiusa per lutto nazionale. Un segno, la “chiusura”che, in certi casi, è più assordante di una deflagrazione. Come a dire non si attenta alla vita dei giovani, non si compie un’efferatezza contro la vita e la speranza di futuro della civiltà proprio nel cuore di una scuola che è il primo luogo propulsivo della formazione,della cultura, un luogo in cui la cultura si plasma tramandandola, si libera “concependola”. Non si sa che natura abbia avuto un atto efferato e criminale come quello di Brindisi, un atto che non trova alcuna giustificazione, ma che avrebbe dovuto spingere ad un black out ancora più esteso in quei luoghi-non-luoghi dello “schiamazzo” come tanti programmi televisivi che, seppure volessimo non demonizzarli, tanta responsabilità hanno sulla diffusione dell’anti-cultura, sulla perdita dei valori e della rotta all’incrocio della nostra società con le altre società, ma anche nei percorsi più brevi e consueti tra persona e persona, con un enorme risvolto storico sulla vita democratica e civile.

E’ probabilmente molto impopolare ma si ci si sente di affermare che a fronte della chiusura dei luoghi della cultura, in occasione dell’iniziativa “La Notte Dei Musei”, quanti luoghi in cui lo schiamazzo è protagonista sono rimasti aperti? Si sono forse fermate discoteche e luoghi del caos? Ora è più che mai necessario aprire, spalancare le porte alla civiltà che solo una forza culturale può edificare.

E’ stata comunque colpita una sede dell’istruzione. Un sito importante, significativo dove i ragazzi vengono affidati proprio per spegnere la TV ed accendere le speranze. Le speranze di una vita migliore specialmente in certe zone dove i media creano illusioni di una vita facile illuminata dai riflettori e dal cerone che copre volti acqua e sapone. Una scuola è un luogo di cultura. Sempre. Una cultura dal basso, dalle radici. Forse è ora di spegnere i cellulari, di non rispondere ad ogni chiamata. Di non attraversare la strada con la testa china a leggere il messaggio e rispondere istantaneamente con una maniacalità estrema. Nel passato SMS stava per Scuola Media Statale. Oggi sms è la forma di comunicazione in cui il linguaggio si dissolve. Ecco perché occorre spalancare i luoghi della cultura. Perché occorre cambiare il modo di pensare. Non è possibile conoscere il nome di una discoteca esclusiva e non conoscere quali sono le regioni italiane.

Il terribile episodio di Brindisi dovrebbe farci riflettere su tante cose. Prima fra tutte che non bisogna dare nulla per scontato. Non ci si reca a scuola. Ma si frequenta una scuola. Si deve indossare, deve essere la spina dorsale per una formazione autentica. Per questo è necessario una scuola aperta. Aperta alla società migliore. Quella che qualifica, che fortifica che non insegue falsi miti. In questo la cultura ha una parte fondamentale. E’ la chiave maestra che davvero apre le porte. Molti comprano riviste di gossip. Seguono le vicende dei loro beniamini. E chi compra un libro viene visto diverso. Ma il libro diventa cultura non solo quando si possiede ma disponibile quando diventa energia, vitamina dell’anima. Conoscere il nostro patrimonio è un dovere. Sapere di educazione civica è un dovere morale. Chi ha premuto il tasto del telecomando ha probabilmente visto e letto il peggio in circolazione. Si è formato e deformato credendo che essere violento significa essere più forte. Alla fine ha spezzato la vita ad una ragazza ed ha rovinato la vita a tante persone.

Sicuramente la gente che sabato ha letto il cartello di chiusura, era gente motivata. Tra queste forse c’erano anche coloro, e non sono pochi, che non possono pagare un biglietto per visitare un monumento. Aprire alla cultura, oggi più che mai è aprire alla vita. Quella vita difficile per tutti ma che deve pur trovare la via giusta, la via dell’impegno e dell’onestà. Del merito, contro ogni scorciatoia. Ed ora che una scuola è stata colpita tutti noi dobbiamo difendere il mondo dell’istruzione, la barbarie è dietro l’angolo e basta un altro tipo di clik per distruggere tutto. Per tutto questo solo con la cultura possiamo costruire un mondo nuovo e diverso.

In collaborazione con Marianna Scibetta


CONDIVIDI
Articolo precedenteNomine Agcom e Privacy, il Parlamento cede alla richiesta di trasparenza!
Articolo successivoFecondazione eterologa, la Consulta decide di non decidere

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here