Giornata elettrica, tra corruzione e falso in bilancio, a Montecitorio.
Alla Camera, sul fronte corruzione, è servita un’ora e mezza per votare solo un subemendamento all’emendamento del Governo, quello delle pene minime per il peculato.
Udc, Pd e Idv, con Antonio Di Pietro letteralmente imbestialito (“è un atto sciocco e becero, il Parlamento viene usato per garantire l’impunità nella prossima legislatura”) hanno protestato e annunciato di voler ripresentare emendamenti per l’Aula. Per quel che riguarda il falso in bilancio, invece, Pdl, Udc e Fli hanno approvato in Commissione Giustizia – col si del Governo – un emendamento al testo che di fatto svuota la proposta di legge dell’Idv.
Unica novità: il carcere sale dai 2 ai 3 anni. Il risultato finale è stato 12 a favore e 10 contrari, con tre deputati Udc (Rao, D’Ippolito e Ria) insieme a Angela Napoli (Fli) a favore dell’emendamento Pdl e quattro astenuti (tra i quali i deputati della Lega). Un via libera accompagnato dalla rabbia dell’Idv e del Pd che puntano il dito contro il sottosegretario alla Giustizia Salvatore Mazzamuto, accusato di aver fuorviato centristi e finiani in commissione, avendo espresso il parere favorevole del governo su due emendamenti che, a parere della capogruppo Pd in commissione Donatella Ferranti, avevano un contenuto diametralmente opposto. E anche qui Di Pietro si è scatenato.


CONDIVIDI
Articolo precedenteRiforma del welfare, più assistenza ai redditi bassi
Articolo successivoLa disapplicazione delle leggi nel ragionamento giuridico di Vittorio Italia

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here