Da uno nota stampa di Palazzo Chigi, si apprende che il Presidente del Consiglio Mario Monti ha espresso ieri sera per telefono a Francois Hollande le sue congratulazioni per l’elezione a Presidente della Repubblica francese e il desiderio del governo italiano, e sua personale, di collaborare strettamente con la Francia, in particolare nel quadro europeo, ai fini di un’unione sempre più efficace e orientata alla crescita. Il presidente eletto Hollande ha condiviso tale volontà e ha auspicato una stretta cooperazione tra il suo governo e quello italiano.

Il Presidente Monti ha anche avuto scambi di opinioni con il Presidente del Consiglio europeo Herman Von Rompuy, con il Cancelliere tedesco Angela Merkel e con il Primo Ministro britannico David Cameron, al fine di valutare congiuntamente le prospettive che, a seguito dei risultati elettorali in Francia e in Grecia, si aprono per la politica europea, e in particolare ai fini della crescita economica, obiettivo che il governo italiano considera prioritario e che, con recenti iniziative, ha posto al centro dell’agenda europea.

Al termine di questi colloqui, il Presidente del Consiglio Mario Monti ha rilasciato la seguente dichiarazione:


“I risultati delle elezioni in Francia e in Grecia impongono una riflessione sulla politica europea. La disciplina del bilancio pubblico rimarrà un elemento essenziale dell’Unione economica e monetaria. E’ importante per i singoli paesi, anche a prescindere dai vincoli comunitari, attenersi ad una finanza pubblica responsabile sull’arco del ciclo economico, che nell’ambito della spesa pubblica privilegi quella per investimenti produttivi rispetto alla spesa corrente, e che non scarichi oneri sulle generazioni future, come per lunghi periodi era accaduto in Francia, in Italia, in Grecia e in altri paesi.

Una finanza pubblica responsabile e’ condizione necessaria, ma non certo sufficiente per l’obiettivo chiave: una crescita sostenibile, creatrice di occupazione e orientata all’equità sociale. Per questo, e’ fondamentale che l’Europa adotti con urgenza concrete politiche per la crescita. L’Italia deve avere , in questo, un particolare ruolo di orientamento e di impulso in Europa. Tale ruolo, intrapreso dal governo fin dall’inizio e pur trovandosi allora in una condizione finanziaria di oggettiva debolezza, troverà ora uno spazio maggiore.

Nell’estate scorsa l’Italia ritenne di accettare sia la richiesta dell’Unione europea di anticipare dal 2014 al 2013 il pareggio di bilancio, sia una pesante lettera della Banca Centrale europea che dettava numerosi e dettagliati obblighi. Pur dovendo rispettare tali vincoli ereditati, l’attuale governo ha assunto un ruolo di sollecitazione alla crescita, in particolare promuovendo in febbraio la lettera, sottoscritta da altri undici Capi di governo ma non da quelli di Germania e Francia, che ha chiesto alla Commissione e al Consiglio europeo misure per la crescita, che saranno oggetto di discussione e di decisione al Consiglio europeo di giugno.”


CONDIVIDI
Articolo precedenteIn Giappone, spento l’ultimo reattore
Articolo successivoGoogle Drive, attenzione alla privacy!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here