Raggiungere e superare gli obiettivi europei delle energie rinnovabili fissati per il 2020 attraverso una crescita virtuosa, basata su un sistema di incentivazione equilibrato e vantaggioso per il sistema Paese e tale da ridurre l’impatto sulle bollette di cittadini e imprese.

E’ questa la finalità principale dei due schemi di decreti ministeriali varati la settimana scorsa dal ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera – di concerto col  ministro dell’Ambiente Corrado Clini e dell’Agricoltura Mario Catania – ora all’esame dell’Autorità dell’Energia e della Conferenza Unificata – che definiscono i nuovi incentivi per l’energia fotovoltaica (cd. Quinto Conto Energia) e per le rinnovabili elettriche non fotovoltaiche (idroelettrico, geotermico, eolico, biomasse, biogas).

Una bozza, in particolare, disciplina l’accesso agli incentivi alle altre fonti rinnovabili elettriche, mentre l’altra ridisegna il Conto Energia. Entrambe puntano ad allineare gli incentivi alla media europea, ridottasi progressivamente a seguito della diminuzione del prezzo dei moduli, e all’ingresso di nuove tecnologie.


Il nuovo regime pone le basi per uno sviluppo ordinato e sostenibile delle energie rinnovabili, allineando gli incentivi ai livelli europei e adeguandoli agli andamenti dei costi di mercato (calati radicalmente nel corso degli ultimi anni). Vengono favorite le tecnologie con maggior ricaduta sulla filiera economico-produttiva nazionale e ad alto contenuto innovativo, introducendo inoltre meccanismi per evitare distorsioni a livello territoriale e conflitti con altre filiere produttive nazionali, in particolare con quella alimentare.

Il sistema, come già previsto dalla precedente normativa, entrerà in vigore al superamento della soglia di 6 miliardi  di incentivi per il fotovoltaico (previsto tra luglio e ottobre prossimi) e il 1 gennaio 2013 per il non fotovoltaico.

Viene inoltre introdotto un sistema di controllo e governo dei volumi installati e della relativa spesa complessiva, attraverso un meccanismo di aste competitive per i grandi impianti (superiori a 5 MW) e tramite registri di prenotazione per gli impianti di taglia medio-piccola (sono invece esclusi dai registri i micro impianti).

Scopo del Governo è programmare una crescita dell’energia rinnovabile più equilibrata che, oltre a garantire il superamento degli obiettivi comunitari al 2020 (dal 26% a circa il 35% nel settore elettrico), consenta di stabilizzare l’incidenza degli incentivi sulla bolletta elettrica.

Con i due decreti  – hanno dichiarato i ministri Catania, Clini e Passera – viene introdotto un sistema di incentivi moderno, europeo ed equo per le tasche dei cittadini e delle imprese. L’energia rinnovabile continua a essere un pilastro fondamentale della nostra strategia, ed è per questo essenziale supportarla in modo efficace, favorendo le fonti verdi che possono sviluppare una filiera industriale e produttiva nazionale. Abbiamo inoltre posto un freno importante alla crescita dei costi energetici per cittadini e imprese. La sostenibilità economica e quella ambientale – hanno concluso i ministri – sono i due cardini su cui il governo intende basare la nuova strategia energetica nazionale in corso di elaborazione”.

 

Ma vediamo nel dettaglio le novità contenute nelle due bozze. Per quanto riguarda il Decreto sulle fonti energetiche rinnovabili diverse dal fotovoltaico, il nuovo meccanismo di incentivazione entrerà in vigore a partire dal 1 gennaio 2013.

I provvedimenti si sono resi necessari per evitare che il costo gli incentivi finisse fuori controllo. Il Decreto fissa due procedure: le aste al ribasso per finanziare gli impianti di potenza superiore a 5 megawatt e l’iscrizione in registri nazionali per i volumi di energia da agevolare relativi agli altri impianti di potenza superiore a 20 kW.

Gli impianti di potenza superiore a 20kW, potranno accedere agli incentivi previa iscrizione a registro nei limiti predeterminati di potenza annua. Gli impianti di potenza tra 1 e 20 kW saranno liberi di accedere agli incentivi dopo l’entrata in esercizio (il quantitativo di incentivi assegnato in questa categoria sarà detratto dal contingente a registro nell’anno successivo).

Il meccanismo dei registri è basato su volumi massimi per anno e tecnologia selezioneranno i progetti in base a priorità dello stato; per l’iscrizione il bando 2013 sarà pubblicato entro il prossimo 31 luglio 2012, mentre dall’anno venturo i bandi saranno disponibili entro il 31 gennaio 2012.

L’Accesso ai registri sarà regolato dai seguenti criteri di priorità: 1. impianti iscritti al precedente registro che non sono riusciti ad entrare; 2. piccoli impianti di aziende agricole (600kW); 3.criteri specifici per tecnologia; 4. minor potenza degli impianti; 5. precedenza della data del pertinente titolo autorizzativo; 6. precedenza della data della richiesta di iscrizione al registro.

Sono stati, inoltre, introdotti dei premi, per la cogenerazione ad alto rendimento che varia dai 10 a 40 €/MWh, in base alla tipologia di biomassa sfruttata, il valore della premialità è incrementato di 30 €/MWh qualora il calore generato sia utilizzato per il teleriscaldamento.

Premi per il recupero dell’azoto il premio in assetto cogenerativo è incrementato di 30€/MWh. Per gli impianti con una potenza fino a 600 kW, che non operano in regime di alto rendimento, è possibile ottenere un premio di 15 €/MWh purchè ci sia una rimozione d’azoto pari al 40%. È previsto inoltre un premio per gl’impianti di potenza non inferiore a 1 MW e non superiore a 5MW , che sono alimentati a biomasse, per la riduzione di emissioni di gas a effetto serra 20€/MW. Complessivamente il Governo prevede per le rinnovabili una crescita e stabilizzazione della spesa a 5- 5,5 miliardi di euro l’anno entro il 2020 che consentirà di superare ampiamente gli obiettivi europei 20-20-20’, ridurre gli sprechi e gli oneri eccessivi sulla bolletta e favorire lo sviluppo della filiera economica italiana.

Per quanto riguarda il Quinto Conto Energia per il fotovoltaico, la bozza di decreto introduce forti riduzioni agli incentivi per la realizzazione di impianti fotovoltaici e il settore agricolo risulta fortemente penalizzato. I nuovi incentivi entreranno in vigore il 1° luglio 2012, salvo che il tetto dei 6 miliardi di euro di spesa venga raggiunto in data successiva.

Un impianto da 200 kW su edificio passerà da 313 €/MWh del quarto Conto Energia a 199 €/MWh del quinto Conto Energia (-36,4%). Mentre un impianto installato su fabbricato rurale, non prenderà più la tariffa spettante agli impianti realizzati su edifici 313 €/MWh del quarto Conto Energia, ma la media aritmetica della tariffa spettante agli edifici e altri impianti paria 195€/MWh (-37,7).

Gli impianti di potenza superiore a 12 kW, potranno accedere agli incentivi previa iscrizione a registro nei limiti predeterminati di potenza annua (il Governo assicura che resteranno molto elevati, 2-3.000 MW/anno, per rimanere il secondo mercato mondiale dopo la Germania). Gli impianti di potenza tra 1 e 12 kW saranno liberi di accedere agli incentivi dopo l’entrata in esercizio (il quantitativo di incentivi assegnato in questa categoria sarà detratto dal contingente a registro nell’anno successivo).

 

Il bando relativo ai contingenti di potenza disponibile per il primo semestre è pubblicato dal Gse entro 10 giorni dalla data di pubblicazione del presente Decreto. Per i semestri successivi i bandi sono pubblicati dal Gse con cadenza semestrale a partire dalla data di pubblicazione del primo bando.

L’accesso ai registri sarà regolato dai seguenti criteri di priorità: 1. impianti su edifici con il miglior attestato energetico; 2. impianti ubicati in siti contaminati, in discariche esaurite, in aree di pertinenza di discariche; 3. piccoli impianti di aziende agricole (200kW); 4. impianti realizzati da Comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti; 5. impianti realizzati, nell’ordine, su serre e su pergole/tettoie/pensiline; 6. precedenza della data del pertinente titolo autorizzativo; 7. precedenza della data della richiesta di iscrizione al registro; 8. minore potenza dell’impianto; 9. limitatamente al primo registro, come primo criterio si assegna priorità alla precedenza della data di ingresso in esercizio. Infine, il Governo prevede per le rinnovabili una crescita e stabilizzazione della spesa a 11,5-12 miliardi di euro l’anno entro il 2020 che consentirà di superare ampiamente gli obiettivi europei 20-20-20, ridurre gli sprechi e gli oneri eccessivi sulla bolletta e favorire lo sviluppo della filiera economica italiana.

 

Qui la presentazione dei decreti ministeriali sugli incentivi per le energie rinnovabili elettriche

Qui il testo del decreto interministeriale sulle energie rinnovabili non fotovoltaiche

Qui il testo del decreto interministeriale sul fotovoltaico


CONDIVIDI
Articolo precedenteEnergia, sui contratti non richiesti obblighi di verifica e black list dei venditori
Articolo successivoNorme anticorruzione in accelerazione

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here