Pubblicato sulla “Gazzetta Ufficiale”  n. 89 del 16 aprile 2012 il decreto del presidente del Consiglio dei ministri 23 marzo 2012 recante “Limite massimo retributivo per emolumenti o retribuzioni nell’ambito di rapporti di lavoro dipendente o autonomo con le pubbliche amministrazioni statali.

Il decreto, adottato in attuazione dell’art. 23-ter del Dl 6 dicembre 2011 n. 201  (“Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici“), convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011 n. 214, fissa il livello remunerativo massimo omnicomprensivo annuo degli emolumenti spettanti a ciascuna fascia o categoria di personale che riceva a carico delle finanze pubbliche emolumenti o retribuzioni nell’ambito di rapporti di lavoro dipendente o autonomo con le pubbliche amministrazioni statali (di cui all’articolo l, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165), nonché quelli in regime di diritto pubblico di cui all’articolo 3 del medesimo decreto legislativo.

 


 


CONDIVIDI
Articolo precedenteBizzarra Spagna: niente patente a chi è in chemioterapia
Articolo successivoE’ tempo di rilanciare il telelavoro nella pubblica amministrazione

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here