Busta paga e pensioni più leggere nel mese di marzo a causa dell’aumento delle addizionali regionali e comunali. I pensionati hanno avuto l’amara sorpresa a inizio mese,  ora toccherà ai lavoratori controllando il proprio cedolino. Per capire il peso di questa nuova stangata il Centro assistenza fiscale della Cisl ha pensato di fare due conti in tasca agli italiani “tartassati”.

Irpef regionale: aumento dello 0,33% di tutte le addizionali regionali che si tradurrà in 51 euro annui per uno stipendio/pensione di 1200 euro al mese, 73 euro per quelli di 1.700 euro mensili, 94 euro per le buste paga da 2.200 euro e 137 euro all’anno per un salario di 3200 euro mensili.

Irpef comunale,  solo per i Comuni che hanno già deliberato l’aumento, che al momento non sono molti.


Per esempio un lavoratore o pensionato che percepisce  1.200 euro mensili lordi, constaterà una trattenuta di 51 euro di addizionale regionale annua in più e se vive a Catanzaro, dove l’amministrazione comunale ha deciso già per un aumento dell’Irpef comunale dello 0,30 per cento, ulteriori 47 euro, per un totale appunto di 98 euro. A Chieti, dove il Comune ha deciso per un più 0,135 per cento (21 euro), la trattenuta complessiva sarà di 73 euro.

Da questa stangata di primavera si salveranno solo i pensionati e i dipendenti con i redditi più bassi, In particolare non dovranno alcuna addizionale i pensionati fino a 75 anni che guadagnano fino a 7.535 euro l’anno e quelli oltre 75 anni che guadagnano fino a 7.785 euro. I lavoratori, invece, saranno esenti fino a 8.030 euro.

L’aumento delle aliquote comunali e regionali non sono purtroppo gli unici, oltre al caro benzina delle ultime settimane, al quale si aggiungono gli aumenti dei prezzi per i prodotti trasportati via gomma come frutta e verdura, incombe sulle tasche degli italiani la data del 20 giugno, non per il solstizio d’estate, ma per il pagamento dell’Imu.


CONDIVIDI
Articolo precedenteLa riforma del lavoro tra decreto legge e disegno di legge
Articolo successivoSi può seppellire un feto morto, mai nato?

1 COOMENTO

  1. Dal mese di aprile 2012 ricevo una pensione di anzianitá di 1.640 euro. Il mese di gennaio invece ho ricevuto 1.575 euro con una decurtazione di 65. Vorrei sapere se si tratta dell’addizionale comunale. Vivo all’estero e sono sempre stato iscritto all’A:I:R:E.LA domanda é se posso ricorrere e a chi potrei ricorrere dal momento che dall’Italia non ricevo nulla, non ci vivo da molti anni (20) e non sono a carico del servizio sanitario italiano.
    Grazie per la vostra cortese risposta.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here