È attesa per oggi, probabilmente nelle ore pomeridiane, la pubblicazione delle dichiarazioni dei redditi dei ministri, viceministri e sottosegretari del Governo Monti. Il premier, che della trasparenza ha fatto uno dei propri cavalli di battaglia in questi mesi, ha mantenuto la promessa fatta all’inizio del suo mandato. L’esecutivo metterà online simultaneamente le informazioni relative ai propri redditi 2010 e 2012 e tabelle con il numero di immobili in loro possesso. Dovranno informare i cittadini sulle azioni detenute, sulle partecipazioni in società, sul possesso di auto, moto e barche.
C’è chi ha giocato d’anticipo come il ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, Filippo Patroni Griffi che ha aggiunto la dichiarazione dei redditi 2011 di 504mila euro, pari al doppio di quella relativa all’attività ministeriale (206mila euro). Il ministro dell’istruzione Francesco Profumo dichiara   199.778,00 euro, stesso importo per Giampaolo di Paola a decorrere dal  16 novembre 2011, mentre per tutto il 2011 ha percepito 25.179,17 lordi.  Redditi pubblici anche per i sottosegretari alla presidenza del Consiglio Antonio Catricalà e Paolo Peluffo, insiemi a quelli dell’Istruzione, della Difesa e dell’Interno Ferrara.
Nei giorni scorsi il ministro Patroni Griffi. ha anche chiesto a tutte le Amministrazioni “di divulgare con tempestività informazioni precise circa i trattamenti economici corrisposti a dipendenti e collaboratori che superano il limite del trattamento spettante al Primo Presidente della Corte di cassazione, pari ad euro 304.951,95 per l’anno 2011″ e ha annunciato entro maggio il varo di un decreto per regolamentare le retribuzioni dei manager delle società partecipate dallo Stato.


CONDIVIDI
Articolo precedenteIn Gazzetta il dl “svuota carceri” e il dl sulla giustizia civile
Articolo successivoAntitrust, aperta inchiesta su prodotti per la cura dell’infanzia

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here