Le  riforme rientrano nel processo  di rimozione di due grandi  vincoli che hanno compresso per decenni il potenziale di crescita dell’Italia: l’insufficiente  concorrenza dei mercati e l’inadeguatezza delle infrastrutture“.

Così il Governo ha presentato ieri il decreto legge appena approvato in tema di liberalizzazioni, in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Ecco i principali punti del provvedimento, nella sintesi predisposta dall’Ufficio Stampa di Palazzo Chigi (cliccare sul sommario per accedere al commento):


A – NORME GENERALI SULLE LIBERALIZZAZIONI

1. Liberalizzazione delle attività economiche e riduzione degli oneri amministrativi delle imprese –

2. Riduzione degli oneri di accesso ai piani di rateazione dei debiti tributari –

3. Accesso dei giovani alla costituzione di società a responsabilità limitata –

4. Norme a tutela e promozione della concorrenza nelle Regioni e negli enti locali e a tutela dei consumatori –

B – TUTELA DEI CONSUMATORI

1. Tutela amministrativa contro le clausole vessatorie –

2. Norme per rendere più efficace l’azione di classe –

3. Tutela delle microimprese da pratiche commerciali ingannevoli e aggressive –

4. Contenuto delle carte di servizio –

C – SERVIZI PROFESSIONALI

1. Abrogazione tariffe professionali e obblighi del professionista –

2. Accesso dei giovani all’esercizio delle professioni –

3. Estensione ai liberi professionisti della possibilità di partecipare al patrimonio dei confidi –

4. Potenziamento del servizio di distribuzione farmaceutica, accesso alla titolarità delle farmacie e disciplina della somministrazione dei farmaci generici –

5. Incremento del numero dei notai e concorrenza nei distretti –

D – ENERGIA

1. Misure per la riduzione del prezzo del gas per i clienti vulnerabili –

2. Misure per ridurre i costi di approvvigionamento di gas per le imprese –

3. Disposizioni in materia di separazione proprietaria –

4. Sviluppo di risorse energetiche naturali strategiche –

5. Distribuzione carburanti –

6. Mercato elettrico –

7. Smantellamento dei siti nucleari dismessi –

E – SERVIZI PUBBLICI LOCALI

1. Promozione della concorrenza dei servizi pubblici locali –

F – SERVIZI BANCARI E ASSICURATIVI

1. Promozione della concorrenza in materia di conto corrente o conto di pagamento di base –

2. Efficienza produttiva del risarcimento diretto e risarcimento in forma specifica –

3. Repressione delle frodi –

4. Ispezioni del veicolo, scatola nera, attestato di rischio, liquidazione dei danni –

5. Sanzioni per frodi nell’attestazione delle invalidità derivanti da incidenti –

6. Obbligo di confronto delle tariffe r.c. auto –

G – Autorità di regolazione dei trasporti

H- FINANZA DI PROGETTO E NUOVE MISURE PER INFRASTRUTTURE ED EDILIZIA

I- TAXI, STRADE E CONTRATTI FERROVIARI

1. Eliminazione dell’obbligo di applicare i contratti collettivi di settore nel trasporto ferroviario –

2. Liberalizzazioni delle pertinenze delle strade –

3. Servizio taxi –

L- FUNZIONAMENTO DEL MERCATO UNICO

1. Repertorio nazionale dei dispositivi medici –

2. Dichiarazione preventiva in caso di spostamento del prestatore di servizi –

M- ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2009/12/CE CONCERNENTE I DIRITTI AEROPORTUALI

Roma, 20 gennaio 2011


CONDIVIDI
Articolo precedenteInchiesta Why not, Luigi De Magistris rinviato a giudizio per irregolarità procedurali
Articolo successivoConsiglio di Stato: Power Balance? Tutte sciocchezze…

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here