Nel 2011 ho letto, e sto in questi giorni collocando tra librerie e scaffali in occasione delle tradizionali pulizie di fine anno, un centinaio di libri. Alcuni li ho ricevuti nella sede della Legal Drama Society in gentile omaggio da parte degli editori, altri mi sono stati regalati da amici in giro per l’Italia, altri ancora li ho acquistati in formato cartaceo o elettronico. Li ho divisi per macro-categorie, e li “archivio” (non tutti) in vista di un nuovo anno di letture.

Alcune considerazioni molto personali:

a) circa i libri che ho incluso nella categora “saggi”, “Democrazia e segreto” di Norberto Bobbio mi ha davvero appassionato. Si tratta di una raccolta di scritti già pubblicati, ma è un libro che contiene idee molto più moderne e attuali di tanti libri che sono pubblicati oggi sui temi della trasparenza e della sua influenza sulla politica. Il libro di Gianrico Carofiglio sul significato (e la storia) di alcune parole mi è apparso abbastanza complesso, il libro di Cristina Cattaneo, un medico legale “vero” (e non da show televisivo) è molto affascinante nel ribadire l’incertezza della scienza e la fallibilità della prova scientifica.


b) Aspettavo da tempo la biografia dei Massimo Volume: Emidio Clementi è il mio scrittore preferito e tra i musicisti che più ammiro. L’ho letta tutta d’un fiato.

c) Tra i romanzi o saggi a sfondo legal, Simenon è secondo me una spanna al di sopra di tutti gli altri. La descrizione del delitto perfetto ne “L’assassino” è da manuale. Attendevo poi, con emozione, il nuovo di Scott Turow tanti anni dopo “Presunto Innocente”, e mi è piaciuto (anche se la narrativa basata su una linea del tempo e diversi punti di vista può apparire ostica per il lettore). Mi aspettavo di più da “Giudici” del dream-team Camilleri-Lucarelli-De Cataldo (un po’ scollegate tra loro le tre storie e le relative rappresentazioni del magistrato), mentre interessantissima è l’outsider Elena Molinari Snel, che racconta la sua vita da giurata in un processo negli Stati Uniti. Una vera sopresa è stato “La Lista” di Connelly, gradevolissimo il recente Grisham (“I contendenti”) e, da leggere, una nutrita schiera di nuovi italiani appassionati di legal (Barbera e Fontana soprattutto).

d) In tema di tecnologia, ho comprato tutti i libri su WikiLeaks (quello di Fabio Chiusi il mio preferito, molto preciso da un punto di vista scientifico e critico), ma alla fine tutti segnalano un po’ le stesse cose. Saluto la nuova edizione di “Spaghetti Hacker”, un libro della mia giovinezza…

e) Nel gruppo dei libri di fiction e narrativa, aspettavo con trepidazione il nuovo di Mariolina Venezia (scrittrice che apprezzo tantissimo), di Bianconi e di Silvia Ballestra, e li ho letti tutti e tre volentieri. Ho avuto serie difficoltà sui “capolavori” da top classifica (“Il cimitero di Praga” di Eco e “Libertà” di Franzen soprattutto, che richiedono davvero grande concentrazione).

In sintesi, nel 2011 mi sono innamorato della raccolta di saggi di Bobbio, delle due uscite nuove di Simenon, di Antonio Franchini e della sua classe, soprattutto in “Signore delle lacrime”, di Valerio Massimo Manfredi con “Otel Bruni” (storie della mia terra), di “La Strada” di McCarthy, di Reggi con “Liberaci dagli Sbirri” (una vera rivelazione), delle poesie di Massimo Zamboni, della bambola viaggiatrice di Kafka (una fiaba per bambini strepitosa) e della biografia di Anne Frank a fumetti. Mi seguiranno nel 2012 anche la sorpresa di “11” e del suo d.j., il viaggio di Steinbeck con il suo cane Charley, la freschezza della Gazzola giovane medico-legale, “Acciaio” della Avallone e i paesaggi di Puglia e Lucania di Gaetano Cappelli e di Francesco Carofiglio.

Visto che occorre sceglierne uno, come libro del 2011, il mio è senza dubbio “Kafka e la bambola viaggiatrice” di Jordi Sierra i Fabra.

 

SAGGI

A.A.V.V., I diari della rivoluzione, Fandango Libri.

Norberto Bobbio, Democrazia e segreto, Einaudi.

Gianrico Carofiglio, La manomissione delle parole, Rizzoli.

Cristina Cattaneo, Certezze provvisorie, Mondadori.

Mario Jori, Del diritto inesistente, ETS.

Richard Wiseman, 59 Secondi, Ponte alle Grazie.

Elémire Zolla, I mistici dell’Occidente, Adelphi.

 

BIOGRAFIE

Andrea Pomini, Tutto qui – La storia dei Massimo Volume, Arcana.

 

LEGAL O A SFONDO LEGAL

Ennio Amodio, Mille e una toga – Il penalista tra cronaca e favola, Giuffrè.

Michele Barbera, Esame incrociato, La Zisa.

Andrea Camilleri, Giancarlo De Cataldo, Carlo Lucarelli, Giudici, Einaudi.

Gianrico Carofiglio, Le perfezioni provvisorie, Sellerio.

Michael Connelly, La lista, Piemme.

Giancarlo De Cataldo, In Giustizia, Rizzoli.

Stefania Divertito, Toghe Verdi, Verdenero.

Friedrich Dürrenmatt, Giustizia, Adelphi.

Giorgio Fontana, Per legge superiore, Sellerio.

John Grisham, I contendenti, Mondadori.

Elena Molinari Snel, Ragionevole dubbio, San Paolo.

Georges Simenon, Corte d’Assise, Adephi.

Georges Simenon, L’assassino, Adelphi.

Scott Turow, Innocente, Mondadori

Valerio Varesi, La sentenza, Frassinelli.

 

TECNOLOGIA

Stefano Chiccarelli, Andrea Monti, Spaghetti Hacker, M&A.

Fabio Chiusi, Nessun segreto, Mimesis.

Arturo Di Corinto, Alessandro Gilioli, I nemici della rete, BUR.

Daniel Domscheit-Berg, Inside WikiLekas, Marsilio.

Mario Gerosa (a cura di), Cinema e tecnologia, Le Mani.

Carsten Görig, Kathrin Nord, Assange, Piemme.

Stefania Maurizi, Dossier WikiLeaks, Rizzoli.

Paolo Zelati, Julian Assange, Barbera Editore.

 

FUMETTI

Sid Jacobson, Ernie Colón, Anne Frank – La biografia a fumetti, Rizzoli.

 

FICTION E NARRATIVA

Silvia Avallone, Acciaio, Rizzoli.

Eraldo Baldini, L’uomo nero e la bicicletta blu, Einaudi.

Silvia Ballestra, I giorni della rotonda, Rizzoli.

Mattia Bernardo Bagnoli, Bologna permettendo, Fazi.

Francesco Bianconi, Il regno animale, Mondadori.

Elisabetta Bucciarelli, Ti voglio credere, Kowalski.

Gateano Cappelli, Parenti lontani, Marsilio.

Francesco Carofiglio, Radiopirata, Marsilio.

Gianrico Carofiglio, Il silenzio dell’onda, Rizzoli.

Donato Carrisi, Il tribunale delle anime, Longanesi.

Patricia Cornwell, Autopsia virtuale, Mondadori.

Roberto Costantini, Tu sei il male, Marsilio.

Silvia Dai Pra’, Quelli che però è lo stesso, Laterza.

Giancarlo De Cataldo, Il padre e lo straniero, Einaudi.

Jeffery Deaver, Il filo che brucia, Rizzoli.

Umberto Eco, Il cimitero di Praga, Bompiani.

Antonio Franchini, Signore delle lacrime, Marsilio.

Antonio Franchini, L’abusivo, Marsilio.

Jonathan Franzen, Libertà. Einaudi.

Alessia Gazzola, L’allieva, Longanesi.

Gabriella Genisi, La circonferenza delle arance, Sonzogno.

Tonino Guerra, Tempo di viaggio, Maggioli.

Nicola Lagioia, Riportando tutto a casa, Einaudi.

Vincenzo Latronico, La cospirazione delle colombe, Bompiani.

Patrizia Marzocchi, Le coincidenze necessarie, Kowalski.

Valerio Massimo Manfredi, Otel Bruni, Mondadori.

Cormac McCarthy, La strada, Einaudi.

Valeria Parrella, Ma quale amore, Rizzoli.

Douglas Preston e Lincoln Child, Sotto copertura, Rizzoli.

Gabriele Reggi, Liberaci dagli Sbirri, Isbn Edizioni.

Mordecai Richler, La versione di Barney, Adelphi.

Mordecai Richler, Noah Richler, Matteo Codignola, Mordecai, Adelphi.

Mario Vargas Llosa, La zia Julia e lo scribacchino, Einaudi.

Mariolina Venezia, Da dove viene il vento, Einaudi.

Oliver Sacks, L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello, Adelphi.

Jordi Sierra i Fabra, Kafka e la bambola viaggiatrice, Salani.

John Steinbeck, Viaggio con Charley, BUR.

Lucia Tilde Ingrosso, Nessuno, nemmeno tu, Kowalski.

Grazia Verasani, Di tutti e di nessuno, Kowalski.

Mark Watson, 11, Einaudi.

 

POESIA, AFORISMI, FRAMMENTI

Gabriella Callegari, Quando bastava un fiore di gramigna ad accendere lo stupore.

Franz Kafka, Aforismi di Zürau, Adelphi.

Franz Kafka, Considerazioni sul peccato, il dolore, la speranza e la vera via, Passigli Editori.

Massimo Zamboni, Prove tecniche di resurrezione, Donzelli.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteIci della Chiesa: è polemica
Articolo successivoSistri: istruzioni per l’uso

4 COMMENTI

  1. […] lettura che Leggioggi ha consigliato sul caso Wikileaks è “Nessun segreto” di Fabio […]

  2. @Roberto: Roberto, in effetti ora ci sto pensando… domani ne parlo con i miei dottori! :-D

    @Augias: i miei libri proprio non riesco a (ri)leggerli. Dopo averli scritti e due o tre giri di bozze e riletture, quando finalmente sono esposti in libreria tendo ad evitarli! Ho proprio una reazione ostile. Ok, parlerò con i miei dottori anche di questo… :-D

  3. Caro professore, devo lamentare la mancanza, nell’elenco, del libro “Hacker. Il richiamo della libertà”, di un giovane e brillante autore… ;-)

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here