Il Consiglio dei Ministri ha approvato oggi un decreto legge che contiene un pacchetto di misure urgenti per assicurare “la stabilità finanziaria, la crescita e l’equità“.

Il Governo – spiega il comunicato stampa di Palazzo Chigi – ha deliberato un complesso pacchetto di interventi che tuttavia, pur nell’emergenza, danno il via a una fase di riforma strutturale dell’economia italiana e determinano una prima fase di significativa riduzione dei costi della politica. Tutte le componenti della società italiana devono partecipare allo sforzo per la salvezza e il rilancio del Paese.

Di seguito, il testo integrale della nota di sintesi diramata dal Governo:


“L’insieme degli interventi ammonta a circa 20 miliardi di euro strutturali per il triennio 2012- 2014 con una forte componente permanente di risparmi conseguiti. La correzione lorda è di oltre 30 miliardi in quanto sono previsti interventi di spesa a favore della crescita, del sistema produttivo e del lavoro per oltre 10 miliardi. All’interno del pacchetto è inclusa e consolidata in norme la correzione dei saldi pari a 4 miliardi previsti quale “clausola di salvaguardia” nella manovra di agosto 2011.

I risparmi conseguito in parte sono destinati a un considerevole pacchetto di interventi a favore della crescita, del sistema produttivo e del lavoro. Attraverso la deducibilità integrale dell’IRAP-lavoro vengono favorite le imprese che assumono lavoratori e lavoratrici per un importo di 1,5 miliardi nel 2012, e 2 miliardi nel 2013 e nel 2014. Vengono previsti con l’IRAP interventi a favore di donne e giovani per 1 miliardo di euro per ciascuno degli anni del periodo considerato.; con l’introduzione del meccanismo denominato ACE di favore fiscale alla raccolta di capitale di rischio, in modo da favorire la patrimonializzazione delle imprese, si interviene con un’azione di 1 miliardo di euro nel 2012, 1,5 nel 2013 e 3 nel 2014. Viene rifinanziato il trasferimento alle regioni per il 2 trasporto pubblico locale; viene finanziato un programma per accelerare la utilizzo dei fondi strutturali europei, che altrimenti l’Italia rischia di perdere; viene rifinanziato il fondo di garanzia per le piccole e medie imprese con l’obiettivo di mettere a disposizione delle PMI garanzie per circa 20 miliardi di credito Vengono resi duraturi nel tempo tutti gli incentivi per le ristrutturazioni e per il risparmio energetico estendendoli alle aree colpite da calamità naturali.

E’ stato deciso il completamento della riforma della previdenza con l’estensione dal primo gennaio 2012 a tutti del metodo contributivo per il calcolo delle pensioni per le anzianità future.

Viene istituito un sistema flessibile per l’età di pensionamento, che viene elevata a 62 anni per le donne con una fascia di uscita flessibile incentivata fino a 70 anni, per gli uomini la fascia di flessibilità è tra 66 e 70 anni. Le regole per le lavoratrici del settore privato raggiungono l’equiparazione ai lavoratori nel 2018.

Malgrado la situazione estremamente difficile, è stata garantita l’indicizzazione piena delle pensioni minime e parziale per quelle fino a due volte il minimo in circostanze estremamente difficili.

Viene anticipata l’introduzione sperimentale dell’IMU.

Tale intervento accresce il contributo che viene chiesto al patrimonio e alla ricchezza allo sforzo per superare la crisi. A ciò si aggiunge l’intervento fiscale una tantum

con una aliquota dell’1,5% a carico dei capitali rientrati in Italia con il cosiddetto “scudo fiscale”. Si aggiungono altresì le imposte su taluni beni di lusso (auto di grossa cilindrata, barche, aerei).

L’aumento dell’IVA è deliberato in 2 punti percentuali a decorrere dal primo settembre 2012, a copertura della clausola di salvaguardia e da attuare solo nel caso in cui sia necessario. In tal modo si evita che scatti la riduzione automatica di tutte le deduzioni e detrazioni fiscali in particolare sulla famiglia. La ridefinizione delle agevolazioni andrà a finanziarie il Fondo per la Famiglia istituito dal decreto approvato oggi.

Viene attuato un pacchetto antievasione che prevede il divieto di uso del contante per pagamenti superiori ai 1000 euro; i pagamenti telematici per la PA; una fiscalità di favore per le imprese individuali e artigiane che consenta l’emersione.

E’ stato deliberato un insieme di liberalizzazioni per la vendita di farmaci, per i trasporti, e per gli orari degli esercizi commerciali; vengono potenziale le funzioni dell’Antitrust.

Il Governo ha avviato un’azione di selezione e di riordino dei programmi di spesa con l’abolizione di una serie di enti ritenuti non più utili.

In particolare, le Province vengono riportate alla funzione di organi di indirizzo e coordinamento. Vengono abolite le giunte, ridotti a 10 i consiglieri provinciali, e ridotte drasticamente le spese in funzioni già svolte da altri enti territoriali”.


CONDIVIDI
Articolo precedenteManovra finanziaria: alle 16 si riunisce il Consiglio dei Ministri
Articolo successivoEia Eia Alalaà! Dall’Abissinia alla Padania con furore!

18 COMMENTI

  1. Ma la storia non insegna niente?? Perché vedo un perpetuarsi dei soliti errori? Niente tagli ai ricchi e più tasse per i poveri? questo grossolanamente detto. Ci sono due fattori chiave da risolvere in Italia e bisogna trovare la soluzione adatta alle Caratteristiche del popolo Italiano… L’evasione fiscale e lo spreco.. Ora, io credo che se ci troviamo in questo casino è principalmente per causa della Natura dell’Italiano, che mi spiace dirlo ha un senso civico e una amor x il bene comune (il proprio stato) tra i più bassi al mondo ..Politici e non, questa è caratteristica Italiana (l’importante è che sto bene io!! arraffo e faccio il furbo e poi mi lamento di quel che non va!!)
    Voglio: un sistema che obblighi tutti i privati esercenti di servizi (idraulici elettricisti e piastrellisti e dentisti etc etc) ad emettere fattura. Il privato cittadino DEVE chiedere fattura e avere IVA al 4% e poterla recuperare al 100%. Il mancato incasso dell’Iva dal privato sarebbe notevolmente recuperato da una diminuzione dell’evasione! Meno tasse per impiegati e meno costi per le imprese per i lavoratori! Voglio il recupero di tutti i soldi Sprecati in opere fatte male, non terminate ! Voglio che chi ruba paghi fino all’ultimo centesimo e chi ha sprecato restituisca fino all’ultimo euro!!!! Voglio una classe politica che mentre chiede sacrifici ai suoi concittadini mostri rispetto riducendo i propri sprechi e i propri lussi!! Chiedere a un ricco di rinunciare al dessert è meno gravoso che chiedere a un povero di rinunciare a un PASTO!! Se si parla di Manovra salva Italia allora cominciamo a fare cassa così!
    DI pari passo, interventi per aiutare le piccole imprese ad andare avanti e a investire..Stiamo perdendo gli artigiani e tutti coloro che per anni han tramandato un MESTIERE perché affogano nelle tasse e non riescono ad ampliarsi (avete aiutato per anni la FIAT che ora ci saluta chiudendo in Italia e aprendo all’estero perché il lavoro costa meno!!! ma dov’è lo spirito E L’ORGOGLIO nazionale???) . Ciampi ci aveva provato a inculcarlo un po’ nelle teste di cavolo che siamo noi Italiani… ma non è stato sufficiente.
    Abbiamo unicità riconosciute a livello mondiale, siamo un paese piccolo ma di grande inventiva e creatività oltre che di gusto e qualità… perché non siamo capaci di dare prestigio e importanza a tutto ciò?? Sarò incompetente ma a volte la soluzione sembra così evidente che mi sembra strano non si trovi. Per Favore cominciamo ad essere più responsabili tutti!!

  2. Il decreto legge salva italia ha modificato nuovamente le imposte di bollo sul deposito titoli. Questa imposta era già stata cambiata da una delle manovre estive del precedente governo Berlusconi.

    Dopo i passaggi alla camera e al senato, la manovra finanziaria è definitivamente diventata legge il 22 dicembre e per questo motivo viene anche denominata manovra di Natale. Ora a bocce ferme, possiamo analizzare in modo semplice e completo come sono effettivamente cambiate le imposte di bollo annuo. Potrai anche utilizzare un simulatore di spesa:
    http://investire-in.blogspot.com/2011/12/manovra-finanziaria-come-cambiano-le.html

  3. cari politici vorrei sapere perchè è sempre la classe operai a pagare e non i politici con i loro stipendi, che equivalgono al guadagno annuo degli operai piu benestanti. Se siete in crisi perchè non mandate a casa quei vecchi parlametari che non sono presenti perchè’ sono vecchi decrepiti e così vedete quanta economia si fa al posto di dare fastidio a noi povera gente che a stento riesce ad arrivare a fine mese politici guardate questi messaggi e poi mettetevi una mano sulla coscienza (se ne avete una) e poi fate leggi assurde. vi auguro buon natale

  4. Una domanda diretta e semplice al sig.monti.Oltre a tuttoquello che paghiamo,lei che ha aumentato il prezzo dei carburanti, sa quanto costa un litro di benzina e di disel? Non so se si rende conto , forse per lei sono delle

  5. le cose che colpiscono i soliti poveri italiani operai, pensionati ecc.ecc. vengono attuate subito,mentre le agevolazione dei parlamentari e la diminuzione dei costi della politica vengono sempre rinviate.perche’ non sono state messe all’asta le frequenze?forse perche’ berlusconi poi non avrebbe votato la fiducia.perche’ non e’ aumentata l’irpf per i redditi alti?perche’sem pre il berlusca non avrebbe votato la fiducia.perche’ non sono state fatte le privatizzazioni?perche’ in italia chi decide sono sempre gli stessi.perche’ non e’ stata messa la patrimoniale?perche’ sempre il berlusca non la voleva.ma perche’ invece e’ stata introdotta l’ici sulla prima casa ,tolto l’incremento istat sulle pensioni,anche se la sinistra non le voleva?ai posteri l’ardua sentenza!!!!monti deve tirar fuori gli attributi,non aver paura e tirare dritto,tanto il suo governo non durera’ a lungo,siamo gia’ in campagna elettorale.

  6. Voglio esprimere tutta la nausea che provo nei confronti dei politici in questo momento : VERGOGNATEVI! I provvedimenti imnmediatamente in vigore tutti a carico dei comuni cittadini, quelli a carico della casta rimandati a data da definirsi. E QUESTA SAREBBE EQUITA’? Noi cittadini non dobbiamo piu’ andare a votare!!!! Perche’ con il nostro voto
    diamo la delega a questi cialtroni di fregarci sempre,qualunque sia il colore politico …

  7. Si risparmierebbero parecchi soldi se accorpassero le asl con le aziende ospedaliere. Perchè non lo fanno? Come Mai si tiene in vita una assurda divisions Della danità? Forse perchè convene a qualcuno avere per ogni aside firefight generali con tutto il Lori spostato, due direttori amministrativi, due direttori sociali e due direttori sanitari tutti con I Loroimpiegati, sediment, eccetera? Science ospedaliera e asl sono sempre stati un tutt’uno, chi è stato il genio o il furbo Che ha pensato Di raddoppiare tutto raddoppiando anche le spese?

  8. manovra molto ingiusta,non capisco perche’ non e’ calata la mannaia sulle province e sui vitalizi vedi cicciolina per es.

  9. Se i sacrifici sono necessari che li facciano tutti gli italiani!
    Quello che però non è stato preso in esame sono tutte le agevolazioni che hanno i POLITICI, dalle auto x loro e la loro famiglia,il parrucchiere ecc…tutti costi che noi comuni cittadini ci paghiamo di tasca nostra con quello che resta pagando regolarmente le TASSE.
    Un altro punto di perplessità è la tracciabilità….1000 € costituirà ancora di più pagamenti in nero ed evasione fiscale.

    Se si voleva colpire chi non paga e non ha mai pagato poteva essere introdotta la possibilità per gli onesti di detrarre ogni scontrino fatto superiore a 100€ !

    Grazie

  10. Signori politici, per capire realmente l’esigenza dei cittadini comuni ( la plebe), vi dovete sedere nelle loro sedie e, se siete intelligenti dovete sapere vivere con 800 euro al mese e con una famiglia a carico. Non dovete poter dormire la notte per pensare a come sbarcare il lunario giorno dopo giorno.

    V I G L I A C C H I E S E N Z A D I G N I T A’

  11. perchè non si è proceduto alla abolizione delle province ed all’accorpamento dei comuni con meno di 5.ooo abitanti, riducendo altresì il numero dei consiglieri ? perchè non è stato drasticamente ridotto il numero dei parlamentari e dei consiglieri regionali compresi quelli delle regioni a statuto speciale ? perchè non sono stati ridotti (secondo la logica del mercato) gli emolumenti, le liquidazioni, le buonuscite ed i vari premi extra stipendio che lo stato ed il parastato corrispondono ai loro inetti dirigenti ? perchè non è stato impedito a tutti gli enti di rivolgersi a consulenti esterni che costano un occhio della testa ? perchè non sono state esentate dal pagamento dell’ici sulla pima casa
    le abitazioni di edlizia popolare ? perchè no sono stati tassati i redditi oltre i 65.000 euro ? mi fermo quì anche se ci sarebbero ancora mille perchè. buon lavoro

  12. Perchè non fare pagare una tantum ( esempio una mensilità) a tutti i pensionati baby con altri redditi familiari ( esmpio reddito familiare oltre 50/60000 euro)????

  13. parliamoci chiaro, liberalizzare e quant’altro serve a promuovere i bravi. Il povero operaio che non sappia rimanere competitivo è semplicemente superato dalla storia! è ora di darsi da fare perchè ciascuno sarà sempre di più solo imprenditore di sè stesso con tutti i rischi e i vantaggi che ciò può comportare. soluzioni diverse conducono alla perdita di competitività del sistema…salvo che qualcuno tra coloro che si lamentano non sia tanto bravo da chiedere a gente povera e morta di fame come indiani brasiliani e cinesi di rallentare il loro sviluppo per permetterci di cambiare con un ritmo più rilassato.

  14. Continuo a non capire a cosa servono i politici in provincia e perchè non lasciare gli uffici sotto la regione. Cioè io lo so e credo tutti voi sono solo una fonte di voti per non perdere la poltrona e allora noi paghiamo due volte a questi della provincia e a quelli dello stato, mettiamoli senza stipendio e vediamo quanti resteranno li.

    Meditate gente meditate

  15. Non vedo perchè non colpire gli Stipendi di Stato SuperLusso, che superano i 3.000 euro, visto che è le stesso Stato che li paga in eccedenza per compiti che potrebbero essere remunerati molto meno; perchè non tassare alcoolici, tabacchi, sale, e zucchero, che fanno aumentare anche la Spesa Sanitaria ecc. ecc. Ogni manovra scontenta chi viene colpito di più, che se la prende con chi viene colpito, per una ragione o l’altra, di meno…

  16. sono un capitano di marina mercantile,navigo su petroliere,dato che queste navi di
    grossa stazza non possono entrare nei porti,il cambio equipaggio avviene con
    nave in navigazione lungo gli stretti,oppure con nave ferma all’ancora,tramite scala di corda con salto finale su una barca(ammesso che il mare sia calmo).la domanda e’ questa:la mia eta’ e’ di 57 anni per cui io e tutti i marittimi piu’ o meno della mia eta’ abbiamo difficolta’ al cambio equipaggio,senza considerare il fatto che al transito degli stretti con alta densita’ di traffico;vedi lo stretto di singapore,la manica,gibilterra e cosi via,dove occorre prontezza di riflessi e destrezza nel manovrare,provate un po’ ad immaginare verso i 66 – 67 anni di eta’ quali disastri si andranno a rischiare.

    grazie e saluti

  17. Si dice comunemento cambiano i musicanti ma la musica è sempre la stessa.

    Chi ci rimette sempre è colui che vive da povero operario. Nè lo sgravio sugli stipendi e né

    sulle pensioni. E’ una manovra sempre a favore dei più ricchi. Grazie.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here