Si è svolta questa mattina la cerimonia di giuramento dei viceministri e sottosegretari nominati ieri in serata. Rispetto al governo precedente il numero dei sottosegretari diminuisce da 40 a 25, di cui 4 presso la Presidenza del Consiglio. A questi si aggiungono tre viceministri.
Brevemente passiamo in rassegna le scelte del premier Monti per completare l’esecutivo di governo.
Partiamo dalla nomina di un nuovo ministro senza portafoglio, Filippo Patroni Griffi alla Funzione pubblica con delega alla semplificazione.
Filippo Patroni Griffi, napoletano, 56 anni, laurea in giurisprudenza all’università Federico II di Napoli, con l’ex ministro della Funzione pubblica Renato Brunetta, ha ricoperto il ruolo di capo di gabinetto. Tra gli incarichi istituzionali segnaliamo quelli di segretario generale dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali; capo del dipartimento Affari giuridici e legislativi della presidenza del Consiglio nel governo Prodi; capo dell’ufficio legislativo della Funzione pubblica con i ministri Sabino Cassese, Franco Frattini, Antonio Bassanini; capo di gabinetto del ministro per le Riforme istituzionali Giuliano Amato; capo del nucleo per la Semplificazione delle norme e delle procedure. Inoltre è stato magistrato ordinario e referendario di Tribunale amministrativo regionale e presidente della sezione del Consiglio di Stato.

Sottosegretari alla Presidenza del Consiglio:
Rapporti con il Parlamento:
Giampaolo D’Andrea, insegnante di storia presso l’Università degli Studi della Basilicata. Deputato prima della DC , poi  Margherita e infine PD, del quale è stato responsabile nazionale del settore Ricerca, nell’ambito del Dipartimento Educazione.  Essendo un politico la scelta ricaduta su di lui non è ben vista da alcuni parlamentari del Pdl.
– Antonio Malaschini,
già segretario generale del Senato.

Editoria:
Carlo Malinconico Castriota Scanderbeg, giurista e funzionario italiano, dal 2008 presidente della Federazione Italiana Editori Giornali e dal 28 ottobre 2010 ricopre anche l’incarico di presidente di Audipress.


Informazione e Comunicazione:
Paolo Peluffo, giornalista italiano, Consigliere della Corte dei Conti e consulente del presidente del Consiglio dei Ministri per il 150º anniversario dell’unità d’Italia.

Affari esteri:
Marta Dassù
Studiosa di politica internazionale, dirige il settore dei rapporti esteri della sede italiana dell’Aspen Institute (presidente Giulio Tremonti). Ha collaborato come consigliere per la politica estera con il Presidente del Consiglio dei ministri nel Governo D’Alema I, Governo D’Alema II e nel Governo Amato II, e con il gruppo di riflessione strategica del Ministero degli Affari Esteri.
Staffan de Mistura, diplomatico svedese naturalizzato italiano, dopo una carriera di 36 anni in varie agenzie dell’ONU, il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon lo ha nominato Rappresentante Speciale (SRSG) per l’Iraq l’11 settembre 2007.

Interno:
Carlo De Stefano, ha ricoperto numerosi incarichi come Prefetto e  negli ultimi anni è stato il coordinatore del Comitato analisi strategiche antiterrorismo, costituto nel 2004 presso il ministero degli Interni.
Giovanni Ferrara, procuratore capo di Roma, si è occupato spesso di criminalità organizzata.
Saverio Ruperto , ordinario di Diritto privato all’Università La Sapienza di Roma e docente di Diritto civile nella Scuola di Specializzazione delle Professioni Legali della Sapienza dal 2006.

Giustizia:
Salvatore Mazzamuto , professore ordinario presso la Facoltà di giurisprudenza di Roma Tre,  è stato consigliere giuridico presso il ministero della Giustizia.
Andrea Zoppini,  professore ordinario presso la Facoltà di giurisprudenza dell’Università di Roma Tre, dove insegna Analisi economica del diritto e Diritto privato comparato, è stato Consigliere giuridico della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Difesa:
Filippo Milone, ex capo della segreteria di Ignazio La Russa quando questo era ministro della Difesa, è stato amministratore della Grassetto Costruzioni S.p.A.,
Gianluigi Magri, Consigliere comunale a Bologna per tre mandati consecutivi nelle liste della DC e del CCD , poi senatore nel 2001 è stato nelle liste del CCD-CDU e dal 2003 al 2005 è stato sottosegretario all’Economia del governo Berlusconi

Economia e Finanze:
Vittorio Grilli (Vice Ministro),  economista e dal maggio del 2005 direttore generale del ministero del Tesoro. Con la nomina di Mario Draghi a capo della Banca Centrale Europea sembrava sul punto di potergli succedere alla guida della Banca d’Italia
Vieri Ceriani, lavora al Servizio Studi della Banca d’Italia. È presidente del tavolo del ministero dell’Economia sull’erosione fiscale e capo servizio Rapporti Fiscali della Banca d’Italia.
 Gianfranco Polillo , docente universitario di materie economiche, già capo del dipartimento economico della Presidenza del Consiglio. Ha un passato nel PCI e ha guidato il servizio studi della Camera.

Sviluppo Economico:
Claudio De Vincenti , docente di Economia Politica all’Università La Sapienza di Roma, è stato coordinatore del NARS (Nucleo di consulenza del CIPE per la regolazione dei servizi di pubblica utilità) presso il Ministero del Tesoro (1997-2001) e membro del Consiglio degli esperti economici della Presidenza del Consiglio dei Ministri (1998-2001).
Massimo Vari,  è stato giudice della Corte Costituzionale negli anni Novanta, esperto di pubblica amministrazione e credito per piccole industrie e artigianato.

Politiche agricole alimentari e forestali:
Francesco Braga,  docente presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore e si occupa di economia agro alimentare.

Ambiente, tutela del territorio e del mare:
Tullio Fanelli, membro dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas. Laureato in ingegneria nucleare, ha lavorato a lungo al ministero delle Attività produttive.

Infrastrutture e trasporti:
Mario Ciaccia (Vice Ministro), amministratore delegato e direttore generale di Banca Infrastrutture Innovazione e Sviluppo, una banca del gruppo Intesa Sanpaolo È stato magistrato alla Corte dei Conti, ha lavorato ai ministeri delle Poste e Telecomunicazioni, e dei Beni Culturali.
Guido Improta ha diretto l’Azienda di promozione turistica di Roma, è stato vicecapo di gabinetto del ministero dei Beni culturali nel 2007, consigliere di ENIT (l’Agenzia Nazionale del Turismo) e responsabile delle relazioni istituzionali di Alitalia.

Lavoro e Politiche sociali:
Michel Martone (Vice Ministro) avvocato e insegna Diritto del lavoro. È stato consigliere giuridico del ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione.
Cecilia Guerra, dottore di ricerca in Economia politica, insegna Scienza delle Finanze all’Università di Modena e Reggio Emilia. Ha collaborato e collabora con istituzioni pubbliche e centri di ricerca, presso il ministero delle Finanze e dell’Economia-

Salute:
Adelfio Elio Cardinale,  dal 2008 è vicepresidente dell’Istituto Superiore di Sanità ed è presidente della commissione regionale Sanitaria per il rischio clinico in Sicilia.

Istruzione, Universita’ e Ricerca:
Elena Ugolini  Dal 2002 fa parte del Comitato tecnico scientifico dell’INVALSI (Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Scolastico) e, dopo la sua istituzione come Ente autonomo di ricerca è stata nominata nel suo consiglio direttivo. Nell’ottobre 2008 è stata nominata dal ministro Mariastella Gelmini membro del Comitato di Indirizzo dell’INVALSI.
Marco Rossi Doria, maestro elementare dal 1975. Si occupa con grande impegno delle soluzioni per contrastare la dispersione scolastica e ha condotto diversi studi ed esperienze sul campo per quanto riguarda il disagio e l’esclusione precoce. È stato maestro di strada nei Quartieri Spagnoli di Napoli e ha anche lavorato presso il ministero dell’Istruzione, collaborando alla stesura delle linee guida sull’obbligo di istruzione per tutti fino a 16 anni.

Beni e Attività culturali:
Roberto Cecchi, architetto  e segretario generale del ministero dei Beni Culturali. In passato, sempre presso il ministero, è stato direttore generale per i Beni Storico, Artistici ed Etno-antropologici. Ha lavorato a lungo come soprintendente.


CONDIVIDI
Articolo precedenteGrecia. Non paghi il balzello? Ti stacco l’elettricità!
Articolo successivoLavoro, niente più contratto di soggiorno per l’assunzione di lavoratori stranieri

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here