È entrata in vigore oggi la legge 3 ottobre 2011, n. 174, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 2 novembre scorso, uno degli ultimi provvedimenti dell’ex governo Berlusconi.

Con questo provvedimento si delega il Governo ad adottare, entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della legge, uno o più decreti legislativi con i quali si provvede a raccogliere in appositi codici o testi  unici le disposizioni vigenti che riuniscano la legge 241/1990, il d.P.R. 445/2000, il d.lgs. 165/2001 e il d.lgs. 150/2009.

Questo testo, già rinominato “Codice della pubblica amministrazione”, di cui è stato approvato uno schema dal Consiglio dei Ministri l’11 novembre scorso, è al momento suddiviso in quattro Libri: Principi fondamentali, Attività amministrativa,  Lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche, Disposizioni finali e abrogazioni.


Si attende ora il parere delle Commissioni parlamentari.


CONDIVIDI
Articolo precedenteIl CSM apre un fascicolo sul PM antimafia Ingroia
Articolo successivoLo Statuto delle imprese diventa Legge!

2 COMMENTI

  1. […] evidenzia la Relazione tecnica, ha un effetto reale pari a circa il 50% della spesa totale delle amministrazioni se stabilito in termini di “indebitamento netto”, dal momento che riguarda il costo del […]

  2. […] evidenzia la Relazione tecnica, ha un effetto reale pari a circa il 50% della spesa totale delle amministrazioni se stabilito in termini di “indebitamento netto”, dal momento che riguarda il costo del […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here