I Giudici della Cassazione hanno accolto, con la sentenza del 7 novembre scorso n. 40105, il ricorso di un p.m. che impugnava l’ordinanza di rigetto di un tribunale sulla misura cautelare dovuto al reato di stalking.

La misura era stata richiesta a seguito di un comportamento persecutore con ripetute minacce telefoniche ricevute dalla vittima da parte della moglie di un collega.

I giudici si erano pronunciati respingendo la richiesta di misura cautelare, precisando che era necessario dimostrare concretamente la lesione attraverso una perizia medica che accertasse lo stato di disagio della vittima.


La Suprema Corte, ritenendo troppo ristretto l’ambito di applicazione della misura cautelare definito dai giudici, hanno stabilito, invece,  che “non è necessario che la molestia debba sfociare in una patologia conclamata, ed anzi la tutela cautelare deve essere apprestata prima che il disagio sfoci in vera patologia”.


CONDIVIDI
Articolo precedenteLegge stabilita’ 2012: oggi alla Camera il testo approvato dal Senato
Articolo successivoSpese veterinarie nel nuovo redditometro

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here