“La convergenza di plurime attendibili dichiarazioni che attestino la conosciuta appartenenza al sodalizio criminoso configura la gravità indiziaria imposta dall’art. 273 c.p.p. solo quando almeno una di tali attendibili dichiarazioni indichi specifici comportamenti/fatti che possano ritenersi, sul piano logico,significativi di un consapevole apporto al perseguimento degli interessi del sodalizio, e che debbono essere oggetto di specifica motivazione proprio in ordine a tale loro significatività ”.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, con sentenza n. 40520 dell’8 novembre 2011, accogliendo il ricorso di un indagato contro cui era stata disposta la misura di custodia cautelare in carcere in base ad alcune dichiarazioni di collaboratori di giustizia.

Secondo il Tribunale locale tali dichiarazioni, che identificavano l’imputato come appartenente ad una famiglia mafiosa, erano sufficienti per far scattare il provvedimento cautelare.


Non sono della stessa opinione però i giudici della Suprema Corte, secondo cui  la mera appartenenza ad una famiglia mafiosa non sarebbe sufficiente, ma andrebbe accompagnata a specifici comportamenti/fatti che possano ritenersi, sul piano logico, significativi di un consapevole apporto al perseguimento degli interessi del sodalizio.


CONDIVIDI
Articolo precedenteDiritto d’autore: il testo ufficiale della lettera della UE all’Italia
Articolo successivoAbusi edilizi, primo ok alla sanatoria selvaggia sulle coste siciliane

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here