Decreto legislativo 14 settembre 2011 n. 167 

Articolato:

Art. 1 – Definizione
Art. 2 – Disciplina generale
Art. 3 – Apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale
Art. 4 – Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere
Art. 5 – Apprendistato di alta formazione e di ricerca
Art. 6 – Standard professionali, standard formativi e certificazione delle competenze
Art. 7 – Disposizioni finali

Scheda di sintesi:

– Creazione di un Testo Unico dell’apprendistato di 7 articoli con contestuale abrogazione delle leggi precedenti (semplificazione);

– l’apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani;

– definizione di un regime transitorio di non più di sei mesi;

– semplificazione dell’istituto, a partire dai nomi delle tre tipologie contrattuali:
(a) apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale;
(b) apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere;
(c) apprendistato di alta formazione e ricerca;

– nell’apprendistato professionalizzate l’offerta formativa pubblica, interna o esterna alla azienda, finalizzata alla acquisizione di competenze di base e trasversali, non può essere superiore a centoventi ore per la durata del triennio ed è disciplinata dalle Regioni;

– possibilità dell’utilizzo del contratto per i lavoratori in mobilità (si può definire una quarta tipologia di apprendistato);

– contratto stipulabile anche dalla P.A. (la disciplina del reclutamento e dell’accesso, nonché l’applicazione del contratto di apprendistato per i settori di attività pubblici, di cui agli articoli 4 e 5 del presente decreto, è definita con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione e del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze);

– apertura (per il contratto di alta formazione) anche a percorsi misti di lavoro e ricerca;

– possibilità di apprendistato per i praticanti di professioni ordinistiche;

– forte rimando alla contrattazione collettiva e responsabilizzazione delle parti sociali. Il rinvio è alla contrattazione nazionale, per la regolamentazione e gestione

dell’apprendistato professionalizzante (per l’uniformità su tutto il territorio);

– gli accordi interconfederali e i contratti collettivi potranno stabilire la durata e le modalità di erogazione della formazione per l’acquisizione delle competenze tecnico-professionali e specialistiche, nonché la durata, anche minima, del contratto;

– abbassamento della durata massima (tre anni), con l’eccezione delle figure professionali dell’artigianato (cinque);

– fondamentale per contrastare la dispersione scolastica e avviare un riallineamento tra la domanda e l’offerta di lavoro è il rilancio dell’apprendistato di primo livello che diviene ora utilizzabile non solo per i minorenni ma anche per gli under 25, con la possibilità di conseguire in ambiente di lavoro, sulla falsariga del modello duale tedesco, una qualifica triennale o un diploma professionale quadriennale;

– per le attività stagionali i contratti collettivi potranno prevedere specifiche modalità di svolgimento del contratto di apprendistato, anche a tempo determinato, comprese le durate minime;

– verrà istituito il repertorio delle professioni predisposto sulla base dei sistemi di classificazione e inquadramento del personale previsti nei contratti collettivi di lavoro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


1 COMMENTO

  1. Buongiorno, vi scrivo in quanto a luglio 2012 scadrà il mio contratto di apprendistato professionalizzante che prevedeva una durata di 6 anni.
    L’entrata in vigore di questo decreto (che sancisce un massimo di 3 anni di apprendistato) avrà ripercussioni sul mio contratto, cioè sarà retroattivo o dovrò comunque attendere che terminino effettivamente i 6 anni?
    Vi ringrazio anticipatamente per la cortese risposta

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome