Sta per iniziare un appuntamento molto importante per tutti coloro  che hanno a cuore l’innovazione nel nostro Paese.

Si tratta di “INNOVATORI JAM 2011”, iniziativa organizzata dall’Agenzia per la diffusione delle tecnologie per l’innovazione che si svolgerà in Rete (all’indirizzo www.innovatorijam.it, hashtag: #ij11) dalle ore 8,00 del 13 settembre alle 24 del 14 settembre 2011; l’evento è organizzato – attraverso la piattaforma JAM di IBM – come discussione intorno a dieci forum tematici:

1. Innovazione e internazionalizzazione: Italia degli Innovatori
2. Giovani, talento e merito nella ricerca e nell’innovazione
3. Start up, incubatori, venture capital
4. I ranking dell’innovazione
5. Accessibilità, apps e nuovi canali
6. Digital agenda: open data, cloud computing e banda larga
7. E-commerce & e-tourism
8. Il Codice dell’Amministrazione Digitale
9. Informazione e nuovi canali
10. Le Smart Cities del futuro


L’approccio, osserva Davide Giacalone, presidente dell’Agenzia, è orientato a incentivare l’emergere delle idee dalla conversazione tra un gran numero di persone aiutate da strumenti adeguati. Perché una strategia per l’innovazione non va calata dall’alto ma costruita ascoltando chi ogni giorno lavora per l’innovazione. E questo ascolto va elaborato usando gli strumenti più adatti.

Per questo motivo, ad animare i dieci forum sono state chiamate alcune delle realtà italiane più attive sui temi dell’innovazione (tra cui Associazione Italiana per l’Open Government, InnovatoriPA, Indigeni Digitali, Agenda Digitale).

La sfida è ambiziosa: definire, in 40 ore, gli obiettivi dell’agenda digitale di cui l’Italia ha bisogno; si tratta di un’occasione imperdibile per affermare l’utilità e l’urgenza di intraprendere politiche di Open Data in ragione dei benefici che ne ricaverebbero Enti, imprese e cittadini.

Il metodo, finalmente, è open, usa gli strumenti del Web e fa ricorso all’intelligenza collettiva.

La promessa degli organizzatori è che i risultati della discussione saranno portati all’attenzione dei decisori.

Ecco perché si tratta di un’occasione ghiotta che non può essere persa: c’è bisogno del contributo di tutti per raccogliere le idee, ascoltare le obiezioni e definire le proposte.

Tutti coloro che vogliono partecipare alle discussioni possono registrarsi a questa pagina: http://www.innovatorijam.it/come-partecipare/


CONDIVIDI
Articolo precedenteBeppe Grillo chiede ragione del disegno di legge di iniziativa popolare “anti-casta”
Articolo successivoIl mondo dopo l’11 settembre

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here