“Il Senato della Repubblica, il 7 settembre 2011, ha approvato il seguente disegno di legge, d’iniziativa del Governo:

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, recante ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo. Delega al Governo per la riorganizzazione della distribuzione sul territorio degli uffici giudiziari”.

Questo è il titolo del disegno di legge approvato ieri.


In particolare, per quel che riguarda il SISTRI (sistema di tracciabilità elettronica dei rifiuti), è stata disposta la sostituzione dei commi 2 e 3 dell’art. 6 con i seguenti:

«2. Al fine di garantire un adeguato periodo transitorio per consentire la progressiva entrata in operatività del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI), nonché l’efficacia del funzionamento delle tecnologie connesse al SISTRI, il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, attraverso il concessionario SISTRI, assicura, a decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto e sino al 15 dicembre 2011, la verifica tecnica delle componenti software e hardware, anche ai fini dell’eventuale implementazione di tecnologie di utilizzo più semplice rispetto a quelle attualmente previste, organizzando, in collaborazione con le associazioni di categoria maggiormente rappresentative, test di funzionamento con l’obiettivo della più ampia partecipazione degli utenti. Conseguentemente, fermo quanto previsto dall’articolo 6, comma 2, lettera f-octies), del decreto-legge 13 maggio 2011, n. 70, convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 2011, n. 106, per i soggetti di cui all’articolo 1, comma 5, del decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare 26 maggio 2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 124 del 30 maggio 2011, per gli altri soggetti di cui all’articolo 1 del predetto decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare 26 maggio 2011, il termine di entrata in operatività del SISTRI è il 9 febbraio 2012. Dall’attuazione della presente disposizione non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

3. Con decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, di concerto con il Ministro per la semplificazione normativa, sentite le categorie interessate, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono individuate specifiche tipologie di rifiuti, alle quali, in considerazione della quantità e dell’assenza di specifiche caratteristiche di criticità ambientale, sono applicate, ai fini del SISTRI, le procedure previste per i rifiuti speciali non pericolosi.

3-bis. Gli operatori che producono esclusivamente rifiuti soggetti a ritiro obbligatorio da parte di sistemi di gestione regolati per legge possono delegare la realizzazione dei propri adempimenti relativi al SISTRI ai consorzi di recupero, secondo le modalità già previste per le associazioni di categoria».

Pertanto, se questo testo dovesse essere confermato pure alla Camera dei Deputati, il Ministero dell’Ambiente, tramite il concessionario del SISTRI (la società SELEX, del gruppo FINMECCANICA), avrà tempo sino al 15 dicembre 2011 per mettere a punto la piattaforma hardware e software, al fine di assicurare la massima efficienza del sistema di tracciabilità elettronica dei rifiuti.

Lo slittamento dell’operatività del SISTRI al 9 febbraio 2012 ha cancellato le partenze scaglionate, prevedendone una per tutti, e soprattutto renderà impossibile un’ulteriore proroga a mezzo di decreto ministeriale, in quanto occorrerebbe una legge o un atto avente forza legislativa.


CONDIVIDI
Articolo precedenteManovra bis, il testo approvato dal Senato
Articolo successivoVia libera dal Consiglio dei Ministri alla soppressione delle Province

2 COMMENTI

  1. mi auguro tanto che sia stato semplificato , e che funzioni.
    che non sia l’ennesima pagliacciata per fare soldi alle spalle delle aziende.
    che tanto anno gia provveduto a spendere ,noi con i nostri soldi non possiamo fare nulla ,dobbiamo giustificare qualsiasi cosa,loro con i nostri soldi possono fare quello che vogliono.

  2. Ci si augura che almeno per il 2012 non ci facciano ripagare gli ingenti tributi! Almeno questo ce lo auguriamo!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here