Home Archivio Notizie Manovra bis, approvato il testo con emendamenti dalla Commissione Bilancio del Senato

Manovra bis, approvato il testo con emendamenti dalla Commissione Bilancio del Senato

La Commissione Bilancio del Senato ha concluso i lavori, approvando il testo emendato della Manovra bis, su cui martedì inizierà la discussione in aula.

Di seguito, alcune delle novità introdotte ieri sera.

Comuni e accertamento tributario: gli enti locali parteciperanno attivamente all’attività di accertamento tributario e potranno incassare quanto recuperato con la lotta all’evasione fiscale.

Conti correnti: eliminato l’obbligo di riportare i rapporti bancari nella dichiarazione dei redditi.

Contributo di solidarietà: riduzioni confermate per dipendenti pubblici e pensionati. Ma salta il contributo di solidarietà (5% oltre i 90mila euro di reddito e 10% oltre i 150mila) per manager privati e calciatori.

Controlli sui conti correnti: i controlli sui conti dei contribuenti saranno anche preventivi, non più solo in caso di accertamento.

Debiti PA: prevista la certificazione dei debiti delle PA verso le imprese

Farmacie: rimane il numero chiuso.

Feste laiche: rimangono la festa del 1° maggio (Festa del Lavoro), del 25 aprile (Liberazione) e del 2 giugno (Repubblica), non verranno accorpate alla domenica. Confermate le feste concordatarie e il taglio delle feste patronali (eccetto quella di Roma).

Incompatibilità dei parlamentari: si estende anche ai parlamentari europei.

Neo mamme: non sono più licenziabili.

Piccoli Comuni: niente Giunte e accorpamenti confermati (“unione dei servizi fondamentali”) per i Comuni sotto i 1000 abitanti.

Province: niente taglio delle Province con meno di 300mila abitanti (sarà forse un ddl costituzionale ad occuparsene). Rimane il dimezzamento dei consiglieri provinciali.

Redditi online: niente gogna mediatica per gli evasori, verrà garantito l’anonimato, perché i dati saranno pubblicati in forma aggregata, per categorie di contribuenti.

Sistri: torna dal 9 febbraio 2012; ma prima il Ministero dell’Ambiente dovrà aprire un confronto -sulle sue criticità- con le associazioni rappresentative di categoria. Prevista l’esenzione dal Sistri per i rifiuti non pericolosi, con decreto ministeriale da adottare entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione della manovra bis.

Statuto dei Lavoratori: i contratti di lavoro aziendali e territoriali potranno derogare alle leggi (dunque anche all’articolo 18 sui licenziamenti, salvo quelli discriminatori) e ai contratti collettivi nazionali. I contratti di lavoro sottoscritti a livello aziendale o territoriale, infatti, “operano anche in deroga alle disposizioni di legge” e “alle relative regolamentazioni contenute nei contratti collettivi nazionali“. E’ quanto recita un emendamento alla manovra, presentato dalla maggioranza e approvato dalla Commissione Bilancio del Senato. Tra le materie per le quali è possibile la deroga dalla legge e dai contratti nazionali figura anche il licenziamento. Salve solo la “Costituzione nonché i vincoli derivanti dalle normative comunitarie e dalle convenzioni internazionali sul lavoro“. Insomma: Sarà possibile licenziare “senza giusta causa” se il sindacato aziendale è d’accordo. Recepito infine l’accordo del 28 giugno sulla rappresentanza sindacale.

Tredicesima degli statali: è salva, nessun differimento. Prevista solo una riduzione del 30% della retribuzione di risultato dei dirigenti responsabili, nel caso in cui i ministeri non raggiungano gli obiettivi di risparmio.

Uffici giudiziari: è prevista la riorganizzazione dei Tribunali, con un’apposita delega al governo, che fissa i criteri di riferimento (estensione, numero abitanti, carichi di lavoro).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


2 COMMENTI

  1. perchè anonime le pubblicazioni delle dichiarazioni del reddito?
    a chi fà paura, non certamente a quanti si sono comportati “onestamente”, siamo alle solite e che fine hanno fatto le liberalizzazioni? ci siamo dimenticati degli scudati, l’hanno fatta franca con il 5% questo è costituzionale? non parliamo del costo della politica; intonzo e quello della burocrazia, a tutti i livelli, è ancora sopportabile? Farmacie, Notai, Avvocati intoccabili…. ma che redditi denunciano? è corretto e costituzionale?
    Per il direttore d’orchestra Tremonti ” felliniana memoria” l’armonia c’è.
    Di fronte a tutto questo è, forse, preferibile una bella crisi e finisca come finisca!

  2. Ma la soluzione al dramma campano delle demolizioni che fine ha fatto, solo chiacchiere?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome