Una settimana fa Leggi Oggi ha lanciato un’iniziativa contro l’aumento del contributo unificato nei procedimenti giudiziari civili, amministrativi e tributari previsto dall’art.37 della c.d. “manovra economica correttiva” (per aderire: qui la pagina della campagna).

L’obiettivo è quello di dare voce a tutti quelli che credono che questa misura, lungi dal risolvere i problemi del sistema giudiziario, avrà l’unico effetto di rendere la giustizia ancora più discriminatoria (visto che potranno accedervi solo i più ricchi) e di diminuire il contenzioso, deprimendo ancora di più il settore dell’assistenza legale.

Sono già centinaia, addetti ai lavori e semplici cittadini, coloro che hanno aderito all’iniziativa, sottoscrivendo il nostro appello e segnalando l’iniziativa su Facebook, LinkedIn e Twitter; siamo tutti consapevoli del fatto che, per essere ascoltati, è necessario riuscire a raccogliere il numero maggiore di firme per poi presentarle alle Istituzioni competenti.


Per questo motivo, abbiamo preparato alcuni strumenti da mettere a disposizione di coloro che vogliano sostenere la campagna di civiltà (giuridica) contro l’aumento del contributo unificato, dando all’iniziativa la massima pubblicità possibile:

una locandina in formato .PDF che é possibile scaricare a questo indirizzo e affiggere in tutte le bacheche degli Uffici Giudiziari;

un banner che tutti coloro che hanno un sito/blog possono inserire sulle proprie pagine, semplicemente copiando&incollando il seguente codice:

<a href=”https://www.leggioggi.it/2011/07/15/fermiamo-laumento-contributo-unificato/”><img src=”https://www.leggioggi.it/wp-content/uploads/banner/spotCampagna1.gif” alt=”Fermiamo l’Aumento del Contributo Unificato” /></a>

Grazie a tutti coloro che vorranno essere al nostro fianco.


CONDIVIDI
Articolo precedenteAppalti pubblici, ovvero quando il contributo unificato si sdoppia
Articolo successivoIl Governo prova a varare una riforma costituzionale dello Stato

2 COMMENTI

  1. Sono un cittadino come tutti,ho perso il lavoro a marzo del 2011 ancora oggi sono senza lavoro ho impugnato il licenziamento chiaramente con il mio legale facendo causa alla mia azienda .Sono di Matera e la causa si terra a Pescara 4 giorni fa’ anno depositato gli atti a Pescara e ho dovuto pagare 225.00 euro per contributo unificato .Non lo trovo giusto che da disoccupato debba pagare non vivo nel lusso ho mio figlio che quest’anno inizia l’università e non so come fare. 225.00 sono tanti ma ho pagato.
    In attesa di vostro riscontro porgo cordiali saluti
    Sergio Bellomo

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here