Il Governo ha scelto di presentare al Senato il disegno di legge di conversione del decreto legge 6 luglio 2011 n. 98, “Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria” (n. 2814 AS).

Qui la relazione illustrativa al disegno di legge.

Il servizio studi di Palazzo Madama ha inoltre realizzato una utilissima scheda, articolo per articolo, per districarsi all’interno del decreto legge 98 del 2011, in vigore già dal 6 luglio, che nella versione a stampa consiste in un volume di ben 448 pagine!


Guida, per articolo e per comma, al decreto legge 98 del 2011


CONDIVIDI
Articolo precedenteTutela del marchio comunitario e diritto al nome
Articolo successivoLa lunga estate dei RUP delle stazioni appaltanti

4 COMMENTI

  1. Buon giorno
    Io sono in mobilità dal mese di agosto 2009 in seguito ad un accordo sindacale ,aziendale ecc. maturo il requisito quota 97 a fine giugno 2013 e con la mobilità che termina a nov/2013. Per effetto della manovra 2010 la finestra è slittata a luglio/2014 e attualmente ulteriormente allontanata di qualche mese per effetto della riforma Monti. La cosa più grave è che durante il periodo di allontanamento della maturità dei requisiti di pensione,essendo in mobilità, si è senza stipendio,senza mobilità e senza pensione e paradossalmente CON I DIRITTI ACQUISITI.
    Chiediamo di andare in pensione con i diritti esistenti all’atto dell’accordo siglato.
    Antonio

  2. a me sembra che le agenzie di rating hanno puntato il dito sulla scarsa crescita e non tanto sul debito pubblico perchè giustamente con una discreta crescita, diciamo al 2%, diventa facilmente gestibile. questa invece è una manovra non solo non fa crescere il pil ma anzi lo deprime poichè la stessa è recessiva. OCCORRE A MIO MODESTO AVVISO DARE MAGGIORE POTERE D’ACQUISTO A CHI GUADAGNA SOTTO I 40000 EURO ALL’ANNO RECUPERANDO MAGGIORE ENTRATE ATTRAVERSO UNA SERIA LOTTA ALL’EVASIONE FISCALE RIDUCENDO POI I COSTI DELLA CORRUZIONE , E AUMENTANDO L’IMPOSTA SULLE RENDITE FINANZIARIE. SE POI VOGLIAMO ANDARE OLTRE BISOGNA ABOLIRE LE PROVINCIE E ACCORPARE I COMUNI AL DI SOTTO DI 2000 ABITANTI.

  3. Buongiorno, io sono stato messo in mobilità in conformità a un accordo fra sindacato, azienda, e inps sottoscritto a novembre 2009.
    Maturo il requisito di quaranta anni di contribuzione a settembre 2013, con la mobilità che termina a novembre dello stesso anno.
    A gennaio 2014 avrei dovuto agganciare la prima finestra utile, ma dopo la manovra del 2010 è slittata a ottobre 2014.
    Oggi dopo la manovra 2011 pare slittano ancora un po’.
    Il nostro problema è non potere scegliere se restare al lavoro ancora un po’, perché noi il lavoro non c’è lo abbiamo più! …E lo slittamento all’aggancio alla finestra ci lascia senza reddito, senza sostegno, senza mobilità, senza pensione… Com’è possibile tutto ciò? Noi certe scelte le abbiamo compiute in base alle norme vigenti in quel momento!!!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here