La Corte d’Appello di Milano (giudici Luigi de Ruggiero, Walter Saresella e Giovanbattista Rollero), con sentenza depositata stamattina (qui il dispositivo), ha confermato la decisione di condanna della Fininvest a favore della Cir, già emessa in primo grado.

I tre giudici della seconda sezione civile della Corte d’Appello di Milano si sono limitati ad applicare uno “sconto” di circa un quarto rispetto ai 750 milioni inflitti dalla sentenza di primo grado.

Si passa dunque da 750 milioni agli attuali 560 milioni di euro.


La sentenza verrà ora impugnata da Fininvest davanti alla Corte di Cassazione, ma è immediatamente esecutiva (non potrà essere applicata la cd. “norma salva-Fininvest“).

La figlia Marina ha subito dichiarato che la sentenza “rappresenta l’ennesimo scandaloso episodio di una forsennata aggressione che viene portata avanti da anni contro mio padre, con tutti i mezzi e su tutti i fronti“.

Di Pietro ha replicato, a distanza, “Berlusconi dirà che è vittima dei giudici comunisti ma in questa vicenda non c’entra niente la politica: è solo un truffatore condannato“.

Qui l’iter della vicenda processuale.


CONDIVIDI
Articolo precedenteDelibera Agcom: meglio ma sempre male.
Articolo successivoManovra correttiva, le novità per gli enti locali nel decreto legge 98 del 2011

6 COMMENTI

  1. […] Lo scorso 9 luglio i giudici della seconda corte d’appello civile di Milano hanno condannato la Fininvest a risarcire la Cir di De Benedetti per 560 milioni. […]

  2. Perchè Berlusconi avrebbe incaricato l’avv.to Previti a corrompere il Giudice Metta a rischio di essere poi scoperto e condannato, come di fatto per sua disgrazia è avvenuto?Per nulla? I 750 milioni ridotti poi a 560 non sono altro che la stima fatta del valore del vantaggio ottenuto da Berlusconi in questi anni e che ha giustificato la corruzione, ovvero ne è stato il movente. Se questo vantaggio ottenuto in questi anni fosse nullo , come sostiene l’agguerrita e parolaio figlia di Berlusconi( nonché presidente della Mondatori) a che prò il povero Previti avrebbe corrotto il Giudice Metta? Per nulla?Quindi, che Berlusconi paghi e ringrazi la lentezza della giustizia Italiana (nonché garantista, con tre gradi di giudizio!) che hanno permesso ai suoi avvocati furboni e profumatamente pagati, di mandare il suo processo in prescrizione contrariamente a quanto accaduto al povero (per modo di dire) avv.to Previti che malgrato il governo Italiano, guidato dal suo mandante e presidente del consiglio Silvio Berlusconi abbia fatto anche una legge in sua difesa (legge salva Previti) si è dovuto fare 5 anni di arresti domiciliari guadagnandosi forse la parcella percepita, mentre il suo mandante e presidente del consiglio Silvio Berlusconi non si è fatto nemmeno un mese.Berlusconi invece di inveire contro i giudici deve solo ringraziare la debole struttura in cui operano, di cui lui sinora se ne ampiamente approfittato, contando sui suoi soldi e sull’alta carica pubblica che immeritatamente ricopre, grazie all’ingenuità degli italiani che lo hanno votato. Marina taci!

  3. In effetti tutti hanno parlato della sentenza Fininvest/ de Benedetti.
    Detto inter nos la norma riguardava anche 2 o 3 grossi arbitrati dove lo Stato stava perdendo…

  4. Ma come, non dice che era stato sempre assolto?!
    Ah già dimenticavo, i giudici comunisti e mangia-bambini…
    Peccato che una doppia condanna sia quanto di più processualmente forte possa immaginarsi….
    P.S. E la nostra amata Marina? Pazienza, vorrà dire che continueremo a vivere sotto questo cielo anche in compagnia delle sue manie di persecuzione!

  5. … ancora una volta un duro colpo per Berlusconi. Non solo non ha più voglia di competere per le elezioni, ora… la Corte d’Appello… Il Primo Ministro aveva cercato di evitare la punizione. Lo zenith di Berlusconi è probabilmente superato.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here