Tutti i figli sono uguali… non più figli legittimi o figli naturali… solo figli!

Questi i commenti all’indomani dell’approvazione, da parte della Camera dei Deputati, delle norme in materia di riconoscimento dei figli naturali.

La Camera, lo scorso 30 giugno, ha votato in maniera bipartisan (476 sì, un astenuto e nessun voto contrario), il testo unificato di alcuni progetti di legge (presentati, tra gli altri, da Alessandra Mussolini, da Rosy Bindi, C. 2519-A e abb.), volti ad eliminare dall’ordinamento le residue distinzioni tra figli legittimi e figli naturali, affermando il principio dell’unicità dello stato giuridico dei figli.


Il provvedimento, recante “Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali”, passa ora all’esame del Senato.

Queste le principali novità, come riassunte dalla scheda riepilogativa della Camera:

“Viene modificato il codice civile, prevedendo tra l’altro:

a) il riconoscimento del vincolo di parentela del figlio naturale con tutti parenti e non solo con i genitori;

b) l’introduzione del principio dell’unicità dello stato giuridico dei figli;

c) l’introduzione di uno specifico articolo (315-bis c.c.) sui diritti e doveri del figlio che riconosce:
– il suo diritto ad essere mantenuto, educato, istruito e assistito moralmente dai genitori nel rispetto delle sue capacità, delle sue inclinazioni naturali e delle sue aspirazioni;
– il diritto del figlio di crescere in famiglia e di mantenere rapporti significativi con i parenti;
– il diritto del figlio minore, che ha compiuto i 12 anni, e anche di età inferiore ove capace di discernimento, di essere ascoltato in tutte le questioni e le procedure che lo riguardano; – il dovere del figlio di rispettare i genitori e di contribuire, in relazione alle proprie capacità, alle proprie sostanze e al proprio reddito, al mantenimento della famiglia finché convive con essa;

d) l’abrogazione delle disposizioni del codice civile sulla legittimazione dei figli naturali.

E’ in secondo luogo conferita una delega al Governo per la modifica delle disposizioni vigenti al fine di adeguarle al principio dell’unicità dello stato giuridico dei figli, con riferimento, in particolare:

– alla disciplina del possesso di stato e della prova della filiazione, alla presunzione di paternità del marito,
– alle azioni relative riconoscimento ed al disconoscimento dei figli,
– alla disciplina delle successioni e delle donazioni.

Specifici criteri di delega riguardano altresì i presupposti per la dichiarazione dello stato di adottabilità e la legittimazione degli ascendenti a far valere il diritto di mantenere rapporti significativi con i nipoti minori.

E’ infine introdotto nel codice di procedura civile un nuovo procedimento per l’affidamento dei figli di genitori non coniugati, di competenza del tribunale per i minorenni”.


CONDIVIDI
Articolo precedenteDecreto Sviluppo promosso a sorpresa dall’Autorità di Vigilanza sugli appalti
Articolo successivoCi sono tanti genitori e pochi padri

4 COMMENTI

  1. Volevo sapere se il provvedimento era stato approvato anche in Senato e quindi tramutato in legge…. Grazie !

  2. Buongiorno,
    in relazione a questo articolo sull’argomento della legittimazione dei figli naturali, vorrei precisare che una legge per essere tale deve essere approvata anche al Senato. Ho letto su diverse riveste on line articoli in cui si facevano commenti come se la legge fosse stata già approvata ed invece con i tempi che corrono chissà quanto tempo dovrà ancora aspettare per essere efficace. Nel frattempo chi convive deve sposarsi o ricorrere al Tribunale dei Minorenni per legittimare i figli naturali riconosciuti.

  3. Dal punto di vista morale, certamente, non fanno una piega le modifiche approvate, in materia, dalla Camera dei Deputati, ritengo, però, che sia, ora, giunto il momento di abrogare l’istituto della successione necessaria e consentire a chiunque di disporre in toto, per dopo la morte, del proprio patrimonio. Infatti le motivazioni per le quali si giustificava (in primis, l’interesse, a carattere familiare, di garantire ai congiunti più stretti una parte del patrimonio del defunto) sono oramai venute meno e… il sapore di questi provvedimenti appare essere, in un certo qual modo, solo sanzionatorio di una condotta libertina

  4. […] legittimi, con la previsione di un unico status di figlio (vedi i correttivi approvati dalla Camera lo scorso 30 giugno, […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here