Con sentenza depositata ieri (numero 124 del 2011) la Consulta è intervenuta nuovamente in materia di spoils system (espressione proveniente da William Learned Marcy, “To the victor belong the spoils“, al vincitore spetta il bottino).

Viene ribadito che:

La natura esterna dell’incarico non è idonea a connotare in senso fiduciario il rapporto di lavoro dirigenziale.


L’incarico dirigenziale non apicale deve essere sempre connotato da specifiche garanzie, in modo tale da assicurare la tendenziale continuità dell’azione amministrativa, caratterizzata da una netta e chiara separazione tra attività di indirizzo politico-amministrativo e funzioni di gestione amministrativa”.

Ciò perché:

“La Corte ha più volte affermato l’illegittimità costituzionale di meccanismi di spoils system riferiti ad incarichi dirigenziali che comportino l’esercizio di compiti di gestione, cioè di «funzioni amministrative di esecuzione dell’indirizzo politico» (sentenze n. 224 e n. 34 del 2010, n. 390 e 351 del 2008, n. 104 e n. 103 del 2007), ritenendo, di converso, costituzionalmente legittimo lo spoils system quando riferito a posizioni apicali (sentenza n. 233 del 2006), del cui supporto l’organo di governo «si avvale per svolgere l’attività di indirizzo politico amministrativo» (sentenza n. 304 del 2010)” (Presidente De Siervo, redattore Cassese).


CONDIVIDI
Articolo precedenteContratto di trasporto: chi è responsabile per il mio bagaglio?
Articolo successivoVincono gli avvocati, il Tar Lazio manda la mediazione alla Corte Costituzionale

1 COOMENTO

  1. Sono un ingegnere dipendente ctg D di un Ente Locale, attualmente con incarico dirigenziale di Direttore di una direzione presente nella pianta organica, ma priva di Dirigente per insufficienza di dirigenti in servizio.
    In relazione alle ultime vicende normative, gradirei essere delucidato sulle possibilità che l’incarico mi venga rinnovato al suo scadere, il 31/12/2011…

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here