La ricorrente, incinta all’epoca dei fatti, parcheggia l’automobile sulle strisce pedonali e si allontana.

Al ritorno, non trova più la macchina, in quanto un ausiliario del traffico aveva elevato contravvenzione ed aveva chiamato il carro attrezzi.

E però, l’ausiliario in questione era delegato solo per il controllo della sosta nelle apposite “zone blu”.


Da ciò, l’azione giudiziaria, conclusa innanzi al Giudice di Pace di Palermo, con la condanna a favore della ricorrente a 200 euro a titolo di danno da stress (essendo stata privata della vettura).

La sentenza è stata ora confermata dalla Corte di Cassazione, con la decisione depositata il 23 marzo scorso (qui il testo integrale).


CONDIVIDI
Articolo precedenteInternet sotto accusa: una decisione del Tribunale di Roma contro Yahoo! che farà discutere
Articolo successivoOrdinanza About Elly, motore di ricerca responsabile dei contenuti indicizzati

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here