L’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato, con provvedimento adottato ieri, ha condannato la RAI per “pratica commerciale scorretta”.

Gianni Morandi, per l’effetto, è dunque tenuto a spiegare, durante la trasmissione, che l’azienda “non è in grado di prevenire l’eventuale abuso di televoto da parte di call center ed operatori specializzati”.

La pratica commerciale scorretta è consistita proprio nella mancanza di informazione, e cioè “nel non avere chiarito ai consumatori che il televoto può essere manipolato”.


Analoga informazione dovrà essere fornita attraverso l’utilizzo della grafica, nel corso della trasmissione.

L’Antitrust spiega che – in tal modo – “i consumatori potranno scegliere consapevolmente se partecipare al televoto, sapendo che sono ancora possibili manipolazioni dei risultati attraverso l’invio massivo ed automatico di pacchetti di sms e di telefonate da parte di call-center ed operatori appositamente organizzati”.

Il procedimento era stato avviato dall’Autorità dopo una denuncia del Codacons relativa alla precedente edizione del Festival.

Occorre ricordare che solo a fine 2011 entreranno a regime, per la parte riguardante gli strumenti tecnici di prevenzione dell’abuso di televoto, le nuove regole stabilite dell’AGCOM a carico delle emittenti che decidano di utilizzare il televoto.

Qui il testo integrale del provvedimento dell’Antitrust.


CONDIVIDI
Articolo precedenteIl grande bluff della liberalizzazione dei servizi postali
Articolo successivoTelemarketing: da febbraio le nuove regole per gli elenchi abbonati

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here