La Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU), cui aderiscono i 47 Stati membri del Consiglio d’Europa, ha cinque sezioni nella propria sede di Strasburgo (qui l’utile guida predisposta dalla cancelleria e qui la pagina per inviare una richiesta).

Ecco l’attuale composizione della Corte.

Presidente
Jean-Paul Costa
Vice-Presidenti
Christos L. Rozakis
Nicolas Bratza
Cancelliere
Erik Fribergh
Cancelliere aggiunto
Michael O’Boyle


Sezione I
Presidente
C.L. Rozakis
Vice-Presidente
N. Vajić
Giudici
A. Kovler
E. Steiner
K. Hajiyev
D. Spielmann
S. E. Jebens
G. Malinverni
G. Nicolaou
Cancelliere
S. Nielsen
Cancelliere aggiunto
A. Wampach

Sezione II
Presidente
F. Tulkens
Vice-Presidente
I. Cabral Barreto
Giudici
K. Pardalos
G. Raimondi
D. Jočienė
D. Popović
A. Sajó
N. Tsotsoria
I. Karakaş
Cancelliere
S. Naismith
Cancelliere aggiunto
F. Elens-Passos

Sezione III
Presidente
J. Casadevall
Vice-Presidente
E. Fura
Giudici
C. Bîrsan
B. Zupančič
A. Gyulumyan
E. Myjer
I. Ziemele
L. López Guerra
A. Power
Cancelliere
S. Quesada

Sezione IV
Presidente
N. Bratza
Vice-Presidente
L. Garlicki
Giudici
L. Mijović
D. Björgvinsson
J. Šikuta
P. Hirvelä
L. Bianku
M. Poalelungi
N. Vučinić
V. De Gaetano
Cancelliere
L. Early
Cancelliere aggiunto
F. Aracı

Sezione V
Presidente
P. Lorenzen
Vice-Presidente
R. Jaeger
Giudici
J.-P. Costa
K. Jungwiert
R. Maruste
M. Villiger
I. Berro-Lefèvre
M. Lazarova Trajkovska
Z. Kalaydjieva
G. Yudkivska
Cancelliere
C. Westerdiek
Cancelliere aggiunto
S. Phillips

Qui è possibile conoscere la nazionalità dei giudici (ultimo aggiornamento, ottobre 2010)


CONDIVIDI
Articolo precedenteLa puntuale contestazione della cartella esattoriale non paga
Articolo successivoNotai, in Gazzetta il regolamento sulla formazione permanente

2 COMMENTI

  1. Carissimo Pietro Palau Giovannetti ,concordo pienamente con lei…Lei immagini che ho spedito documentazione altamente comprovata di audio filmati e prove altamente schiaccianti che dovrebbero tutelarmi visto che i giudici di Cagliari fanno quello che vogliono e danno ragione alla controparte,agevolandolo in ogni dove..Nonostante abbia denunciato una grandissima preoccupazione per i mezzi che effettuano servizio scuolabus per minori nel comune di Cagliari tutto scorre come se niente fosse..avrei tanto altro ancora da scrivere ma sarebbe tanto…. gradirei essere aiutato per essere soprattutto ascoltato.. Cordiali saluti Mauro lovico.

  2. Pubblicare i nomi dei magistrati giudicanti è un primo passo verso la trasparenza. Bisognerebbe rendere noti anche i nomi dei Referendari e pubblicare i loro curricula, segnalando che oltre il 90-95% dei casi trasmessi all’attenzione della Corte, vengono trattati direttamente dalla Cancelleria, la quale scandalosamente li dichiara inammissibili per meri vizi formali, spesso senza neppure leggerli o senza alcuna concreta disamina.
    I cittadini europei e l’opinione pubblica internazionale dovrebbero venire onestamente messi a conoscenza delle reali capacità della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, la quale con un organico di sole 5 sezioni e 50 giudici non può certo materialmente affrontare l’enorme quantità di ricorsi che affluiscono ogni anno da ben 27 Paesi diversi della UE, con un’aspettativa di giustizia sempre crescente, che stringe d’assedio la Corte Europea.
    Le Autorità dovrebbero quindi ammettere che la Corte è un mero organismo di facciata, per dare una parvenza di legalità e di possibilità di accesso alla giustizia che, invero, è preclusa ab origine dalla stessa carenza di strutture e di organico della Corte e dalla lungaggine che la stessa Corte impiega per definire quei pochi ricorsi ritenuti ammissibili.
    Pietro Palau Giovannetti
    Presidente Onlus Movimento per la Giustizia Robin Hood
    e Avvocati senza Frontiere

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here