Sono finalmente in uscita, entro la prossima settimana, i 3 bandi attinenti al maxi concorso scuola 2016, con il quale verranno assunti 63.712 docenti.

VUOI SAPERE IN TEMPO REALE TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SUL CONCORSO SCUOLA 2016, CLICCA QUI

CONCORSO SCUOLA 2016: QUANDO USCIRANNO I BANDI?

Anche per via della riforma della classi di concorso, che ha ridotto le classi da 168 a 116, i lavori della Commissione si sono prolungati molto più del previsto. Ora tuttavia, i ritardi sembrano finiti: lo stesso sottosegretario, Davide Faraone, ha rassicurato che la pubblicazione dei bandi avverrà entro martedì o al massimo venerdì della prossima settimana.

VAI ALLO SEPCIALE SU CLASSI DI CONCORSO: COME CAMBIANO

CONCORSO SCUOLA 2016: SCARICA LE BOZZE DEI DECRETI

Intanto, nonostante le eccessive lungaggini, sono state pubblicate le bozze dei decreti, rese disponibili dalla nostra Redazione nei giorni scorsi, le quali, congiuntamente agli annunci usciti nel corso delle ultime settimane, hanno delineato un quadro piuttosto preciso di quello che sarà l’imminente concorso a cattedra 2016.

PER SCARICARE LE BOZZE DEI DECRETI CLICCA QUI

CONCORSO SCUOLA 2016: NOVITA’ E CONFERME

Tra le più recenti novità è ormai certa la notizia dell’eliminazione della prova di preselezione per la scuola dell’infanzia e per quella primaria. Confermata, invece, per la prova scritta la previsione dei due quesiti in lingua straniera, implicanti una conoscenza a livello B2. Confermata anche la durata della prova orale, che sarà di 45 minuti, e che molto presumibilmente si terrà in giugno.

Tempistiche molto stringate sono stata annunciate, poi, per tutte le prove affinché le immissioni in ruolo dei docenti vincitori siano già realizzate entro il primo settembre 2016.

CONCORSO SCUOLA 2016: AVVERTENZE GENERALI PER TUTTE LE CLASSI DI CONCORSO

Di seguito si riportano tutte le istruzioni principali circa metodologie e tecniche prevalenti  nei diversi ordini e gradi di scuola.

1) Metodologie e tecniche prevalenti nei diversi ordini e gradi di scuola

1.1. Scuola dell’infanzia e primaria

Le metodologie e le tecniche nel primo ciclo di studio si devono concentrare nelle aree di apprendimento relative alle seguenti categorie:

– corpo, movimento, salute;

– fruizione e produzione di messaggi;

– il sé e lì’altro;

– esplorare, conoscere e progettare.

Quella del LABORATORIO rappresenta la tecnica prevalente nella scuola dell’infanzia e primaria, all’interno della quale il docente deve svolgere il ruolo di facilitatore della partecipazione del bambino alle attività, promuovendone abilità e conoscenze pregresse.

Esempi di laboratorio nella scuola primaria sono:

– laboratorio ludico;

– laboratorio di psicomotricità;

– laboratorio grafico;

– laboratorio di manualità;

– laboratorio teatrale;

– laboratorio musicale.

1.2. Scuola secondaria di I e II grado

In questo caso le metodologie e tecniche trattate vengono orientate verso il role play, l’analisi di caso e le esercitazioni. Segnaliamo, poi, due ulteriori spunti di attenzione:

– da un lato l’uso pratico che viene fatto della didattica laboratoriale;

– dall’altro, l’utilizzo di una metodologia didattica educativa di esclusivo uso nella secondaria in quanto fruibile solo nel target adolescenti, ossia la peer education.

PER SAPERE TUTTO SU METODOLOGIE E TECNICHE DIDATTICHE, DIDATTICA SPECIALE, GESTIONE DELLA LEZIONE, USO DELLA TECNOLOGIA E VALUTAZIONE TI CONSIOGLIAMO IL SEGUENTE VOLUME:

Avvertenze generali per tutte le classi di concorso

Avvertenze generali per tutte le classi di concorso

Rosanna Calvino - Andrea Gradini, 2016, Maggioli Editore

Il manuale costituisce un indispensabile strumento di preparazione alla prova scritta e a quella orale del concorso a cattedre 2016 nelle scuole statali di ogni ordine e grado.
L’opera infatti affronta, in forma sintetica, semplice e scorrevole tutte le...




SCRIVI UN COMMENTO