E’ approdato ieri sera, in Consiglio dei Ministri, oltre al via libera ai primi 11 decreti attuativi della riforma della Pubblica amministrazione, anche quello, tanto atteso dai docenti, alla riforma delle classi di concorso.

VAI ALLO SPECIALE SU RIFORMA PA

VAI ALLO SPECIALE ALLO SPECIALE CONCORSO SCUOLA 2016

“Andremo a bandire un concorso per 63.712 insegnanti, è un grande investimento sulla scuola”, ha ribadito questa mattina in conferenza stampa a Palazzo Chigi il premier, Matteo Renzi, auspicando “che a settembre possano andare in cattedra”.

CONCORSO SCUOLA: QUANDO USCIRANNO I BANDI?

Le tempistiche e le modalità del maxi concorso per la scuola, che interesserà una platea di circa 200mila candidati, sono state elencate dallo stesso Ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, al termine della conferenza stampa di stamane a Palazzo Chigi.

Si tratterà di 3 bandi entro la prima settimana di febbraio: infanzia e primaria, scuola secondaria e sostegno, che – come ha spiegato Giannini – “per la prima volta ha un bando separato”.

CONCORSO SCUOLA: COME SARANNO LE PROVE?

Le prove, ha chiarito il Ministro, “saranno scritte, computerizzate, ma non quiz, bensì quesiti a risposta aperta, di cui un quarto di lingua straniera”. La platea di candidati, come anticipato, interesserà circa 200mila aspiranti: “Uno su tre, se fa bene le prove, ha la garanzia di superare il concorso”, ha concluso Giannini.

CONCORSO SCUOLA: COME CAMBIA IL REGOLAMENTO DELLE CLASSI DI CONCORSO?

Il Regolamento, adottato in attuazione delle Disposizioni in materia di organizzazione scolastica che ha attribuito al Miur, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, il potere di incidere sull’attuale assetto ordinamentale, organizzativo e didattico del sistema scolastico, anche seguendo il criterio della razionalizzazione e dell’accorpamento delle classi di concorso, rispetto alle classi di concorso stabilite dalla legislazione in vigore, prevede:

1) aggiornamento

Le classi di concorso vengono allineate agli insegnamenti previsti dalle ultime riforme degli ordinamenti scolastici e adeguate ai titoli universitari dell’ordinamento attuale;

2) Accorpamento

Le classi di concorso pslittano da 168 a 116 in un’ottica di semplificazione e maggiore fungibilità dei docenti. Vengono accorpate, ad esempio, le classi di concorso di elettronica ed elettrotecnica; la nuova classe di tecnologie e tecniche della comunicazione ne accorpa invece 6 di quelle ad oggi in vigore e le classi di concorso di arte sono state accorpate per settore produttivo.

3) Aggiunta di 11 nuove classi di concorso per l’insegnamento nelle scuole secondarie di primo e secondo grado

Rispettivamente si tratta di: lingua italiana per discenti di lingua straniera (alloglotti); Scienze e tecnologie della calzatura e della moda; Scienze e tecnologie della logistica; Storia della musica; Strumento musicale negli istituti di istruzione secondaria di II grado; Tecnica della danza classica; Tecnica della danza contemporanea; Tecniche di accompagnamento alla danza; Tecnologie musicali; Teoria analisi e composizione; Teoria e tecnica della comunicazione.

4) Aggiunta di altre 2 nuove classi di concorso attinenti posti di insegnante tecnico-pratico

Le nuove classi di concorso sono rispettivamente: Laboratorio di logistica e Laboratori di scienze e tecnologie della calzatura e della moda.

Matematica

Matematica

Carla Iodice, 2015, Maggioli Editore

L’opera costituisce un indispensabile strumento di preparazione alla prova scritta e a quella orale del concorso a cattedre per l’insegnamento di Matematica.
Nel volume sono esposti tutti i principali argomenti della disciplina:
- Insiemi e logica (Insiemi,...



SCRIVI UN COMMENTO