E’ ufficialmente iniziata questa mattina la discussione generale sulla legge di Stabilità 2016 che ieri sera ha incassato l’approvazione della commissione Bilancio di Palazzo Madama.

CONSULTA IL TESTO AGGIORNATO DEL DDL DI STABILITA’

Il testo oggetto dell’esame dell’Assemblea per la terza lettura è quello che ha ottenuto il via libera dalla Camera la scorsa settimana. Dopo il voto sulla questione di fiducia sul ddl DI Stabilità 2016 posta dal Governo seguiranno le dichiarazioni di voto e la chiama intorno a ore 16.30.

VAI ALLO SPECIALE SULLA LEGGE DI STABILITA’: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI PUNTO PER PUNTO

POSTA LA QUESTIONE DI FIDUCIA SUL DDL APPROVATO DALLA CAMERA

La richiesta della fiducia sul testo licenziato dalla Camera è stata posta dal ministro per i Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, a seguito del voto dell’Assemblea su tutti gli articoli del ddl di bilancio, senza apportare modifiche rispetto al testo uscito dalla Camera.

Per il voto di fiducia, le tempistiche sono stabilite dalla Conferenza dei capigruppo, immediatamente convocata. Il Senato, subito dopo l’ok alla legge di Stabilità, dovrebbe procedere al voto definitivo sulla riforma della Rai, in previsione tra la giornata di oggi e quella di domani.

LEGGE DI STABILITA’ 2016: “MANOVRA PIU’ ESPANSIVA DAL 2001”

Questa mattina, ad inaugurare il dibattito sono intervenute le relatrici Magda Zanoni (Pd) e Federica Chiavaroli (Ap-Ncd). Zanoni, nella sua relazione ha sottolineato come la manovra finanziaria per il prossimo anno sia “la più espansiva dal 2001”, costituendo “una scelta di grande forza per sostenere la ripresa e per recuperare in tempi rapidi i livelli pre-crisi di reddito e di occupazione”.

Tra i contenuti evidenziati come più positivi tra quelli inseriti dalla maggioranza nel ddl, Zanoni ha sottolineato, al fianco delle “misure tipiche per rafforzare la sicurezza”, in ragione dei recenti episodi di terrorismo, gli “interventi per la difesa dei valori culturali” quale “pilastro della nostra società, con provvedimenti per l’arricchimento culturale dei nostri giovani”.

SCRIVI UN COMMENTO