Concorso Agenzia delle Entrate 2015, si entra nel vivo della fase iniziale. Stanno arrivando in massa le prime domande all’ente tributario, che ha ufficializzato il bando per 892 funzionari in diverse regioni d’Italia.

Con la pubblicazione in Gazzetta dell’informativa che rende la comunicazione delle Entrate valida ai fini della selezione, infatti, si sono aperte le iscrizioni alle prove che stabiliranno i quasi 900 nuovi addetti amministrativo-tributari per la riscossione fiscale.

In queste ore, però, moltissimi aspiranti si stanno chiedendo: ho i requisiti adatti? Il mio titolo di studio è valido per la partecipazione al concorso? Quali sono i requisiti per prendere parte alle prove? Quante e quali saranno le giornate in cui verrà testata la preparazione dei candidati? E, soprattutto, cosa studiare?

Qui tutto quello che occorre sapere per il concorso

Certamente, il concorso Agenzia delle Entrate per funzionari amministrativi non è un’opportunità molto frequente. Di solito, passano anni tra un bando e l’altro, anche se, negli ultimi tempi, i governi che si sono succeduti hanno inasprito le norme di contrasto all’evasione fiscale, di modo che un allargamento dei ranghi nelle istituzioni proposte si è reso non solo consigliabile, ma in molti casi necessario. Dunque, per non perdere questa occasione, è necessario

E’ quello che sta avvenendo per effetto delle ultime novità, come la riforma del catasto – che si concluderà solo nel 2018 – o, ancora, la voluntary disclosure, per proseguire con le ultime novità in fatto di fiscalità immobiliare e di regimi dei minimi.

Così, insomma, i controlli e le operazioni svolte dalle Entrate sono destinate ad accrescersi esponenzialmente, e, con loro, anche le competenze richieste ai futuri impiegati, che saranno assunti, secondo il bando emanato nei giorni scorsi, con fascia retributiva F1.

Quali sono i posti

Come specificato in precedenza, i posti messi a bando sono i seguenti:

Emilia Romagna, posti n. 110

Liguria, posti n. 20

Lombardia, posti n. 470

Piemonte, posti n. 110

Toscana, posti n. 42

Veneto, posti n. 140

Quali sono i requisiti

Per partecipare al Concorso Agenzia delle Entrate 2015 è necessario essere in possesso, entro il 26 marzo prossimo, del diploma di laurea in giurisprudenza, scienze politiche, economia e commercio o diplomi di laurea equipollenti per legge, o i corrispondenti titoli di studio di laurea di I livello. Ammessi solo i cittadini italiani, in regola con gli obblighi militari, che godano di diritti civilie  politici e fisicamente idonei all’impiego.

QUI TUTTO SULLE LAUREE AMMESSE ED EQUIPOLLENTI CON LE  TABELLE MINISTERIALI

Come iscriversi

C’è tempo fino alle 23:59 del 26 marzo per iscriversi alle prove di ammissione al concorso. Basta collegarsi al sito internet dell’agenzia Entrate, avendo a disposizione tutti i propri dati personali, comprensivi di codice fiscale, e titolo di studio da inserire nell’apposito campo.

In proposito, prima di compilare le domande, ribadiamo l’importanza di esaminare le tabelle di equipollenza.

Una volta portata a termine l’iscrizione, il candidato riceverà un messaggio di posta elettronica generato in automatico dall’applicazione informatica a conferma dell’avvenuta acquisizione della domanda. I dati, comunque, resteranno modificabili fino alla scadenza.

Fondamentale, poi, la sede regionale per la quale il candidato deciderà di iscriversi: non si potrà gareggiare, infatti, per più di una località.

Vai al testo del bando

892 Funzionari Amministrativo-tributari nell’Agenzia delle Entrate Prepararsi alla prova oggettiva attitudinale

892 Funzionari Amministrativo-tributari nell’Agenzia delle Entrate Prepararsi alla prova oggettiva attitudinale

Giuseppe Cotruvo, 2015, Maggioli Editore

Una guida completa per affrontare la prova oggettiva attitudinale del concorso per 892 Funzionari amministrativo-tributari indetto dall’Agenzia delle Entrate (G.U. 24 febbraio 2015, n. 15).

L’iter...




2 COMMENTI

  1. buongiorno, nn voglio parlare delle ingiustizie europee , vivo in Francia da 2 anni ed ho subito lo stesso trattamento , nn mi é consentito partecipare ai concorsi difatti sono in italia per veder riconosciuti i miei titolo di studi !!!!!!! E di questo sono contenta almeno potrò nel caso di vincita restare in italia e essere considerata dottoressa e nn una che ha perso 20 anni della sua vita a studiare senza essere riconosciuta,,! Ogni0uno ritorni a l proprio paese ,

  2. salve,
    sono cittadina spagnola, residente in Italia da 14 anni. Non poter partecipare al concorso agenzia delle entrate perchè non ho la cittadinanza italiana mi fa arrabbiare. pago le imposta e le tasse, dovrei avere gli stessi diritti come cittadina europea. Capisco il senso del pattriotismo, ma siamo nella UE, e certe leggi si dovranno rinnovare, altrimenti l’italia è la solita: molto fumo e poco arrosto.

SCRIVI UN COMMENTO