Speciale riforma PA

Welfare 24 dicembre 2013, 09:22

Legge di stabilità 2014, cosa cambia per pensioni ed esodati dopo l’ok

Approvata la legge di stabilità 2014, ecco tutte le novità per pensionati ed esodati


Con l’approvazione della legge di stabilità 2014, sono diventate ufficiali le disposizioni contenute nel testo approvato alla Camera dei deputati venerdì scorso: ora, sono ufficiali sia lo stop alla indicizzazione completa che la nuova copertura per i lavoratori esodati ancora esclusi dai trattamenti Inps.

Dunque, l’ok ricevuto ieri dalla legge finanziaria al Senato ha ufficializzato le misure del governo in ottica pensioni e welfare: il governo ha corretto marginalmente il tiro iniziale della legge iniziale presentata in Consiglio dei ministri, lasciando di fatto l’impianto costitutivo quasi inalterato.

Nel corso dell’esame al Senato e poi alla Camera, la legge di stabilità ha infatti confermato sia lo stop alla rivalutazione completa che il prelievo sulle pensioni d’oro, le quali, però, non hanno subito il rincaro paventato insieme all’abbassamento della soglia coinvolta nelle trattenute a favore degli assegni più bassi.

Ora, dunque, l’indicizzazione completa viene bloccata fino a sei volte il minimo, cioè a tremila euro lordi, e, in più, la fascia tra 1500 e 2000 euro ottiene il ritocco dell’ultim’ora, vedendo il proprio adeguamento pensionistico confermato al 95%invece che al preventivato 90%. Dunque, largo alla mancata indicizzazione, inaugurata durante l’era Fornero e non ancora passata di moda per sostenere i costi di un welfare sempre più oneroso. Come emerge dalla nuova legge infatti, si passa alla rivalutazione del 50% per chi incassa pari a cinque volte la minima, mentre quelle a partire da sei volte l’assegno più basso vedranno la propria rivalutazione limitata al 404 nel 2014 e al 45% nel biennio successivo.

Passando invece al contributo di solidarietà, la legge di stabilità 2014 prevede che venga prelevato il 65 dalle pensioni pari a almeno quattordici volte il minimo, mentre si passerà al 12% per la parte al di sopra del minimo moltiplicato per venti, fino al 18% per la quota in esubero nelle pensioni almeno trenta volte le minime.

Di contro, anche il governo deve rincorrere gli errori del passato: la falla esodati, ancora lungi dall’essere tappata, ottiene un riconoscimento di 950 milioni fino al 2020, che consentirà di trarre in salvo ben 17mila esclusi dalla salvaguardia.

Vai al testo della legge di stabilità 2014

Vai allo speciale pensioni

Vai allo speciale esodati

Vai alla legge di stabilità punto per punto

Vai allo speciale legge di stabilità


Pubblicato da il 24 dicembre 2013 alle 09:12 in Welfare
Tags: , , , , , ,


9 Commenti per Legge di stabilità 2014, cosa cambia per pensioni ed esodati dopo l’ok

  1. giuseppe burgarella

    40 CONTRIBUTI 60 ETA’ ESODATO DA DIC.2008 QUANDO VADO IN PENSIONE ORA CHE MI MI TOLGONO PURE IL VITALIZIO CHE PRENDEVO OGNI MESE

  2. Non è così come commentano, se l’operaio è amico del datore di lavoro o un capofficina è amico stretto ed è simpatico và avanti, perché è un raccomandato, per lui va bene così continua a lavorare anche oltre i 55 anni se lo tiene per compravendita in cambio di viveri dei prodotti tipici del proprio paese come( olio-formaggi-salame -vino ecc…….) è questa l’Italia che va avanti sono valutati così sanno lavorare restano lì per amicizia ,e gli altri che hanno esperienza lavorativa e professionalità acquisita da anni con serietà sono buttati fuori dal mondo del lavoro questa è discriminazione è una vergogna , perché non si và a ispezionare nella aziende fare dei corsi di aggiornamento per tutti non solo per i raccomandati perché tutti hanno diritto sia con pochi dipendenti nel settore pubblico che privato tutto questo non è mai stato fatto è stato sempre dimenticato , i datori di lavoro hanno questa mentalità che non sanno valutare le persone giuste che hanno in mano una professione, preferiscono giovani o apprendisti è sbagliato tutto questo bisogna inserire sia i professionisti attuali che quelli che non hanno mai lavorato nelle aziende.

  3. eduardo

    io che dovevo andare in pensione a luglio 2013 piu 18 mesi come lavoratore
    autonomo invece mi tocca andare a 67 anni e non so pero se potro guidare
    il mio autocarro e sperando che a 65 anni mi rinnovino la patente se no
    faro la fame poi vado a casa della fornero e dei nostri amici politici a
    mangiare

  4. Franco

    Se un povero cristo per motivi di salute ha dovuto lasciare il lavoro e stare a casa aspettando i 60 anni per prendere comunque una misera pensione, una mattina si alza e sente che una tizia le a spostato la pensione di 7 anni. Ma questo non è anticostituzionale. Credo veramente che sia ora di fare la rivoluzione e fare una bella ripulita

  5. Giuseppe 55

    Cissà cosa hanno messo nel decreto. Quello salvaRoma non si capisce cosa vuol dire. Spiegatelo, perchè l’ITALIA non è solo Roma!!!!

  6. natale mazzotti

    …e i trombati del 1952 da quella brillante
    signora lacrimante,sono passati nel dimenticatoio’?

  7. paolo

    eta’ per andare in pensione non puo’ essere uguale per tutti, statali e privati, perche’ nessuna ditta si terra’ un operaio sino a 67 anni.

  8. paolo

    bisogna rivedere eta per andare in pensione, non puo essere uguale per tutti, perche non siamo tutti uguali ,privati e statali. i dipendenti privati superati i 50 anni non li vuole piu nessuno.

  9. Pingback: Il piatto del giorno | Pensioni, tutti i conteggi sui mini aumenti da 90 mila euro l’anno … – Corriere della Sera

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Flash 31 luglio 2014, 16:36

Consiglio dei ministri del 31 luglio 2014, l’ordine del giorno

Direttiva europea e decreto legislativo sulla tassazione dei tabacchi: il governo nel Consiglio dei ministri affronta questioni scottanti

Economia 31 luglio 2014, 15:42

Decreto competitività, via il tetto agli stipendi dei manager pubblici

Stravolto il testo approvato in Senato. Salta la Scia automatica

Fisco 31 luglio 2014, 10:07

Modello 770: l’invio all’Agenzia delle Entrate passa al 19 settembre

Sì del governo alla proroga: i soggetti interessati, da condominio a società

Amministrativo 31 luglio 2014, 07:57

Riforma PA: ok alla fiducia. Quota 96 in pensione a settembre

Sì della Camera: modifiche a dipendenti e pensioni. Inclusi Quota 96

Giustizia 30 luglio 2014, 17:11

Carceri, nuovo decreto: incentivi per chi assume ex detenuti

Mentre si attende l’ok al testo in Senato, 30 milioni alle imprese


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su