Speciale riforma PA

Costituzionale Penale 16 agosto 2013, 10:50

Consulta: bocciato l’ergastolo con effetto retroattivo

Commento alla sentenza della Corte Costituzionale n. 210/2013 con cui la Consulta ha dichiarato illegittimo l’ergastolo retroattivo


La Corte Costituzionale il 18 Luglio 2013 con sentenza n.210 si è pronunciata sulla legittimità costituzionale degl’articoli 7, comma 1, e 8 del decreto legge del 24 novembre 2000 n. 341- Disposizioni urgenti per l’efficacia e l’efficienza dell’Amministrazione della giustizia – convertito nella legge del 19 gennaio 2001, n.4 .

Con la pronuncia in esame la Consulta ha risolto una delicatissima questione, sollevata da parte delle Sezioni Unite penali della Corte di Cassazione, in relazione all’art. 7 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali ( Roma 4 novembre 1950) e l’art. 7, comma 1 e art. 8 del decreto legge del 24 novembre 2000 n. 341, nella parte in cui tali disposizioni interne operano retroattivamente in relazione alla posizione di coloro che, pur avendo formulato richiesta di giudizio abbreviato nella vigenza della sola legge 16 dicembre 1999 n.479 sono stati giudicati successivamente, quando cioè era entrato in vigore il citato decreto – legge, con conseguente applicazione del più sfavorevole trattamento sanzionatorio previsto dal medesimo decreto.

La Corte di Strasburgo aveva affermato nel caso SCOPPOLA risalente al 17 settembre 2009, che la condanna all’ergastolo di un ricorrente che si trovava in quella situazione fosse contraria al principio contenuto nell’art. 7 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali; ed in particolare al principio di retroattività della disciplina più favorevole al reo tra le norme vigenti al momento della commissione del fatto sino al momento della condanna definitiva.

Tale disciplina prevedeva la pena massima di trent’anni di reclusione, in casi di giudizio abbreviato, per i reati punibili in via ordinaria con l’ergastolo; i giudici di Strasburgo avevano fatto notare allo Stato Italiano questa anomalia e che era tenuto ad assicurare che la pena dell’ergastolo, inflitta al reo, fosse sostituita con la reclusione a trent’anni.

Nel caso in oggetto, il Tribunale di Spoleto, al quale il reo si era rivolto per ottenere la sostituzione della pena facendo riferimento al caso analogo c.d. Scoppola, aveva rigettato la richiesta rilevando che non vi era stata alcuna violazione dell’art. 7 della Convenzione Europea, la Corte di Cassazione, non condividendo le ragioni del rigetto, hanno proposto questione di legittimità costituzionale degl’art. 7 e 8 del dl 341/2000 ritenendo che queste norme siano d’ostacolo all’accoglimento doveroso della richiesta di sostituzione della pena.

Il giudice de quo ha ritenuto che debba darsi la stessa applicazione della sentenza della corte europea emessa a vantaggio di Scoppola anche al caso in oggetto che possiede le stesse caratteristiche, senza che vi sia una specifica pronuncia della Corte Europea, quindi anche nel caso in oggetto la pena dell’ergastolo, applicata in forza della norma convenzionalmente illegittima, dovrebbe essere sostituita con la pena di trenta anni di reclusione.

Di fronte a pacifiche violazioni convenzionali di carattere oggettivo e generale, già in precedenza stigmatizzate in sede europea – aggiunge la Corte – il mancato esperimento del rimedio di cui all’art. 34 CEDU (ricorso individuale) e la conseguente mancanza, nel caso concreto, di una sentenza della Corte EDU cui dare esecuzione non possono essere di ostacolo a un intervento dell’ordinamento giuridico italiano, attraverso la giurisdizione, per eliminare una situazione di illegalità convenzionale, anche sacrificando il valore della certezza del giudicato, da ritenersi recessivo rispetto ad evidenti e pregnanti compromissioni in atto di diritti fondamentali della persona. La preclusione, effetto proprio del giudicato, non può operare allorquando risulti pretermesso, con effetti negativi perduranti, un diritto fondamentale della persona, quale certamente è quello che incide sulla libertà: s’impone, pertanto, in questo caso di emendare “dallo stigma dell’ingiustizia” una tale situazione».

La Consulta ha ritenuto fondata la questione di legittimità costituzionale sollevata in riferimento all’art. 117, primo comma della nostra Costituzione ed in particolare ha riconosciuto le similitudini con il caso Scoppola,che ha affermato che l’art. 442, comma 2, c.p.p. costituisce “una disposizione di diritto penale materiale riguardante la severità della pena da infliggere in caso di condanna secondo il rito abbreviato” e che l’art. 7, comma 1, del decreto-legge n. 341 del 2000, nonostante la formulazione, non è in realtà una norma interpretativa, perché “l’art. 442, comma 2, c. p. p. non presentava alcuna ambiguità particolare; esso indicava chiaramente che la pena dell’ergastolo era sostituita da quella della reclusione di anni trenta, e non faceva distinzioni tra la condanna all’ergastolo con o senza isolamento diurno”.

Sempre nella sentenza Scoppola, inoltre, si è affermato che “l’art. 7, paragrafo 1, della Convenzione non sancisce solo il principio della irretroattività delle leggi penali più severe, ma anche, e implicitamente, il principio della retroattività della legge penale meno severa”, che si traduce “nella norma secondo cui, se la legge penale in vigore al momento della commissione del reato e le leggi penali posteriori adottate prima della pronuncia di una sentenza definitiva sono diverse, il giudice deve applicare quella le cui disposizioni sono più favorevoli all’imputato”.

La Corte ha rilevato che “l’articolo 30 della legge n. 479 del 1999 si traduce in una disposizione penale posteriore che prevede una pena meno severa” e che “l’articolo 7 della Convenzione […] imponeva dunque di farne beneficiare il ricorrente”. Di conseguenza, secondo la Corte, “nella fattispecie vi è stata violazione dell’articolo 7, paragrafo 1, della Convenzione”.

Non è quasi necessario ricordare che le norme della Corte Europea integrano, quali norme imposte, la nostra normativa interna per previsione espressa dall’art. 117, primo comma della Cost. nella parte in cui impone la conformità della legislazione interna ai vincoli derivanti dagl’obblighi internazionali.

Concludendo deve dichiararsi l’illegittimità costituzionale dell’art. 7 comma 1 del decreto legge del 24 novembre 2000, n. 341 per le motivazioni sovra esposte.


Pubblicato da il 16 agosto 2013 alle 10:08 in Costituzionale Penale
Tags: , ,


1 Commento per Consulta: bocciato l’ergastolo con effetto retroattivo

  1. Nessuna norma penale può essere retroattiva, per principio giuridico fondamentale, almeno dal XVIII secolo dai tempi di Christian Thomasius “Nullum Crimen, nulla poena, sine lege poenali previa”. Non capisco chi possa aver disposto il contrario. E perfino il vecchio Codice penale dispose la pena più favorevole al reo, dopo che un delitto sia commesso in un determinato periodo, seguito da processo in periodo di vigenza di altra legge penale.

    Siamo in un’epoca di confusione mentale crescente. Sono cose basilari in ogni corso di Diritto processuale penale.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Raffaella Postiglione

Avvocato e mamma

Rss Feed


Articoli dello stesso autore

Penale 26 novembre 2013, 08:30

Stalking: novità dalla Cassazione

La reciprocità dei comportamenti molesti non esclude la configurabilità del reato di stalking

Costituzionale Penale 16 agosto 2013, 10:50

Consulta: bocciato l’ergastolo con effetto retroattivo

Commento alla sentenza della Corte Costituzionale n. 210/2013 con cui la Consulta ha dichiarato illegittimo l’ergastolo retroattivo

Penale 13 marzo 2013, 16:06

Cassazione: il colpo di sonno alla guida rende responsabili

Una recente sentenza della cassazione ha chiarito che il malessere causato dal colpo di sonno non è ascrivibile come caso fortuito


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su